La catena-gioiello | Architetto.info

La catena-gioiello

wpid-3777_light.jpg
image_pdf

Architetto e designer, apre nel 2004 il laboratorio di idee IlariaMarelliStudio, che si occupa di design di prodotto, di interni e allestimenti, e fornisce consulenza di strategia e trend. Sebbene il suo lancio nel mondo del disegno industriale sia sostanzialmente recente, il suo portfolio è decisamente sbalorditivo. Non sono solo i nomi dei suoi clienti (Cappellini, Cassina, Zanotta, Fiam, Coro, Bonaldo, Coin, Bosa, Invicta, Lancia, Tivoli Audio, Pitti, gruppo World Japan) a riferirci quanto Ilaria sia brillante, ma è la stessa identità dei lavori a descriverci una designer versatile, che affronta i temi di progetto con levità ma senza essere superficiale

Della sua collaborazione con Nemo (lighting brand del gruppo Cassina), ci aveva colpiti Ara, segno essenziale e rigoroso ma assai interessante sul piano tipologico. Il sodalizio con l’azienda lombarda prosegue con Chain, lampada da tavolo con fusto snodabile.

{GALLERY}

Il tema della lampada flessibile e trasformabile grazie all’intervento dell’utente è stato oggetto di varie riflessioni progettuali nell’arco degli ultimi quarant’anni, ma Ilaria ce ne dà un’interpretazione raffinata e innovativa.

Corpo e base sono in alluminio, gli snodi in plastica, mentre la testa e il diffusore in policarbonato. Esiste anche la versione Chain Frau, in cui testa e snodi rivestiti in pelle pieno fiore (nera o rossa) marchiata. Touch dimmer a due intensità.

Chain fa parte delle lampade da tavolo della nuova generazione, in cui l’impiego dei LED crea una luce efficace e morbida al tempo stesso.

Copyright © - Riproduzione riservata
La catena-gioiello Architetto.info