La luce più antica | Architetto.info

La luce più antica

wpid-5400_caminodsffdsfds.jpg
image_pdf

L’estate è finita. Ormai le fotografie sostituiscono le giornate al mare. Il clima si fa più fresco e si inizia a pensare a come riscaldarsi un pò di più, il fuoco è certamente l’espediente più antico, ma ancora insostituibile nelle case e negli interni più caldi delle case di campagna come degli appartamenti cittadini.

Realizzato in acciaio inox e vetro resistente al calore, questo camino è una versione moderna di un fuoco aperto. La designer finlandese Ilkka Suppanen ha estrapolato l’ idea dal concetto secolare di fuoco aperto e selvaggio nel bosco, addomesticandolo, e portandolo all’interno, per creare un ambiente dove le persone possono incontrarsi per chiacchierare e trascorrere una serata insieme o dove ci si può rilassare da soli e lasciarsi alle spalle le preoccupazioni del giorno.

“Oggi la televisione gioca un ruolo simile a quello che il fuoco svolgeva in passato, avvicina le persone e porta a raccontare le proprie storie e ad ascoltare quelle degli altri. Ho preso questa idea del fuoco come archetipo di un fenomeno come mio punto di partenza – e ho finito per progettare qualcosa dalla forma molto minimalista” spiega Suppanen ” Il pezzo rimane molto neutro finché la fiamma non si accende, solo allora prende vita e trova il suo posto in uno spazio catturando l’attenzione della gente”.

Particolarità di quest’idea è che, esattamente come il concetto più primitivo di fuoco, a differenza dei normali camini in muratura, questo piccolo gioiello è un dispositivo portatile, facile da utilizzare in qualsiasi stanza o anche fuori in giardino o in terrazzo in una lunga serata estiva.

{GALLERY}

Copyright © - Riproduzione riservata
La luce più antica Architetto.info