Le luci interattive di Electroland | Architetto.info

Le luci interattive di Electroland

wpid-259_electroland.jpg
image_pdf

Tecnologia. Il suo utilizzo è la parola d’ordine nella creazione di arte pubblica di Electroland, team di designer  di Los Angeles (California) che nella stessa città in cui hanno sede,  ha creato EnterActive,  una pavimentazione luminosa a Led rossi incorporati al suolo che varia in funzione dei  movimenti dei visitatori. Alla data del lancio della passerella interattiva, l’impatto è stato reso visibile specularmente su una griglia di otto piani, sulla facciata del palazzo anch’essa dotata di pannelli a LED. Completata l’installazione dell’impianto luminoso (2006), una videocamera posta di fronte l’edificio ha trasmesso le immagini su uno schermo al plasma nella hall, per far vedere ai visitatori all’interno,  l’effetto del loro stesso calpestio.

Tra i lavori completati ultimamente dallo studio Electroland, il nuovo aeroporto di Indianapolis in Indiana. Il tetto del  Ponte pedonale è ricoperto da un campo di luci interattive di svariati colori, mostrando una serie di combinazioni intelligenti e giocose, accompagnate da suoni.

Alla guida dello studio californiano fondato nel 2002, l’architetto Cameron McNall ha insegnato per dodici anni come Professore Associato del Department of Design/Media Arts nell’UCLA.  Nel corso della sua carriera è stato premiato con il Premio Roma in Architettura nel  1991, due AIA Brunner Grants  (1993 e 1994), Arts Architecture Fellowship della New York Foundation nel  1989, Young Architect Award of Architectural League di New York nel 1987.

Il co-fondatore Damon Seeley  è un designer interattivo con un’ampia esperienza  di realizzazioni in design, new media e arte. Laureato in design presso UCLA, ha  diretto vari progetti di design e media- art. Il lavoro di Electoland è documentato in varie pubblicazioni internazionali ed è rappresentato sia al Museum of Modern Art che al Cooper Hewitt National Design Museum di New York.
{GALLERY}

Copyright © - Riproduzione riservata
Le luci interattive di Electroland Architetto.info