Luce da abbracciare | Architetto.info

Luce da abbracciare

wpid-4294_pillow.jpg
image_pdf

La presenza della tecnologia nei nuovi oggetti per la casa sembra essere un tema molto caro ai designer della nuova generazione, che non perdono occasione per studiare nuovi comportamenti e nuove esperienze sensoriali. Ogni artefatto non sono ricopre un preciso ruolo funzionale, ma si carica di qualcosa in più: coinvolge i sensi.
In questa direzione si muove anche Diana Lin, giovane designer statunitense.
Recentemente è stata lanciata D-Light, la sua nuova creazione: un cuscino luminoso, concepito semplicemente assemblando alcuni materiali innovativi. Un fodero semitrasparente, con superficie “furry” (pelosa) in poliestere viene riempito da bolle vuote di silicone traslucido, che conferiscono al cuscino una forma irregolare ma sinuosa. L’interno è illuminato da dodici LED a luce calda.
È una presenza rassicurante. È soffice, illumina l’ambiente e crea una sensazione di piacevolezza al tatto e alla vista, come fosse qualcosa di più di un animale domestico. È un nuovo modo per interpretare l’intimità, azzerando le distinzioni tra estate e inverno, tra giorno e notte. {GALLERY}

Copyright © - Riproduzione riservata
Luce da abbracciare Architetto.info