Luci italiane per il Blue Planet | Architetto.info

Luci italiane per il Blue Planet

wpid-5117_theblueplanetxn.jpg
image_pdf

Inaugurato lo scorso marzo 2013 e già premiato al World Architecture FestivalThe Blue Planet è lo spettacolare acquario nazionale della Danimarca, nonché una delle ultime realizzazioni del prestigioso studio 3XN. Frutto di oltre tre anni di lavoro, la struttura di Kastrup, nei pressi dell’aeroporto di Copenhagen, ha già battuto diversi record: con la sua superficie complessiva di 10.000 m2 e soprattutto la capienza di 7 milioni di litri d’acqua, The Blue Planet è l’acquario più grande d’Europa. Nelle 53 maxi-vasche totali trovano alloggio oltre 450 diverse specie di pesci e creature acquatiche, non solo marine, per un monte complessivo di 20 mila animali ospitati.

Ispirato a forme zoomorfe ed elaborato con geometrie non euclidee, l’edificio si articola nella simulazione organica dei corsi d’acqua, dei suoi sinuosi vortici, ricordando, nelle membrane che lo rivestono, le squame stesse dei pesci e loro traiettorie direzionali. La forma della struttura anticipa, rievocandolo, il contenuto narrativo dell’acquario: la singolare forma a vortice e la posizione al di sopra di un promontorio proteso verso l’acqua, rafforzano l’armonia tra il mare ed il paesaggio circostante, nel tentativo di simboleggiare lo stretto abbraccio tra le due forze.

{GALLERY}

Il progetto illuminotecnico per gli esterni

L’innovativa ed elegante struttura contiene anche un ‘pezzetto’ di made in Italy progettuale: le soluzioni illuminotecniche adottate per gli esterni, che contribuiscono alla suggestione nella percezione del luogo, sono infatti dell’azienda italiana Simes, nel bresciano. Si tratta di un progetto di grande complessità, non solo in considerazione della natura evocativa e singolare del luogo e dell’architettura, ma anche del potenziale cromatico garantito dai materiali che costituiscono l’involucro.

Per illuminare il percorso che si allontana dall’ingresso principale, sono stati adottati i Blinker, incassati nel muro di camminamento e i successivi Column Bollard (con altezza da 250cm), che insieme guidano il visitatore in un tragitto suggestivo che si conclude di fronte al mare. Il primo prodotto, Blinker, è stato pensato proprio per illuminare in modo discreto aree di transito, scalinate e camminamenti con il minimo ingombro, mentre il secondo, Column, è un bollard estremamente versatile, dal design pulito e dalla grande robustezza, ideale per illuminare in modo discreto ed uniforme ambienti urbani e residenziali, parcheggi e zone di transito. Il lighting project inoltre gioca in modo intelligente anche con le texture materiche e la composizione dell’involucro esterno. La membrana della struttura si presenta infatti come un manto di piccole lastre di alluminio diamantate, che si adattano perfettamente alla sua forma organica. L’alluminio specchia i colori dell’acqua e la luce del cielo in un continuo cangiante gioco di riflessi con l’ambiente circostante. Per accentuare la texture, sono stati adottati proiettori Focus, a fascio stretto, che accentuano la visibilità attraverso delle radenze, ora blu, ora luminose, che accompagnano l’intera spirale. 

Copyright © - Riproduzione riservata
Luci italiane per il Blue Planet Architetto.info