Sprig Lamp | Architetto.info

Sprig Lamp

wpid-7824_home.jpg
image_pdf

Il designer americano Victor Vetterlein ha creato la lampada componibile dal nome programmatico: Sprig Lamp. Infatti in inglese “sprig” significa “ramoscello”, e l’ispirazione in questo caso è decisamente naturalistica.

Il design della lampada si ispira alla crescita dei rami delle piante. Un singolo “innesto”, per usare un linguaggio da vivaisti, di luce, ovvero un singolo pezzo della lampada crea un piccolo lampadario con tre punti luce direzionati su tre diverse traiettorie. Mentre più “rametti” combinati fra loro costruire una lampada da terra o un lampadario. Per collegare due lampade Sprig fra loro vi è un pacchetto incluso nell’acquisto di più lampade che fornisce una bussola filettata, un cavo elettrico di collegamento, la spina e le vie di uscita per un semplice e immediato assemblaggio home-made.

La struttura esterna della lampada Sprig è realizzata in plastica riciclata, e la sorgente luminosa è una lampada fluorescente compatta standard (CFL). La CFL viene sostituita svitando la parte finale del braccio della lampada che permette l’accesso alla lampadina. Le configurazioni che può assumere questo oggetto luminoso di design sono molteplici e facilmente variabili, in modo che se ne può anche scegliere la dimensione preferita.


{GALLERY}

Copyright © - Riproduzione riservata
Sprig Lamp Architetto.info