Una luce "on line" | Architetto.info

Una luce "on line"

wpid-7782_home.jpg
image_pdf

La potenza di questa sorgente di luce sta nella sua snellezza e discrezione. Un progetto dell’architetto belga Bart Lens.

La semplicità del design dell’apparecchio fa si che esso possa essere utilizzato ovunque. Può essere incassato a soffitto o appeso, come installato sulla parete. Dotato di un sistema innovativo di ancoraggio che si basa su un magnete a incastro, l’apparecchio permette anche una grande flessibilità nello spostamento del singolo e dei diversi punti luce installati.

Sulla stessa linea infatti possono essere applicate più lampade di diverse dimensioni e intensità, in base alle esigenze dello spazio, tutte basate su una tecnologia LED e quindi a basso consumo. E sulla linea, che può essere una essenziale fenditura del soffitto o della parete, i punti luce possono essere facilmente traslati e direzionati. Il corpo luminoso infatti è composto da uno o due semplici parallelepipedi chiamati “knick” di cui uno è la base e il secondo la fonte luminosa; o ancora esso può essere completamente affondato nella fenditura per generare un effetto “striscia di luce” dalla pulizia estrema.

Questo semplice gioco di combinazione di apparecchi simili nello stile ma utilizzati diversamente può dare un carattere proprio agli ambienti interni e una qualità della luce specifica: dai segmenti orientabili e minimalisti al faretto spotlight, all’effetto striscia di luce. Una soluzione che nella sua essenzialità si dimostra efficace nella maggior parte degli ambienti, semplice e versatile. Il tutto rigorosamente su una sola linea.

{GALLERY}

Copyright © - Riproduzione riservata
Una luce "on line" Architetto.info