A Saie 2014 inaugurata la mostra sull'Autostrada del Sole | Architetto.info

A Saie 2014 inaugurata la mostra sull’Autostrada del Sole

wpid-25028_secondAutostradadelSole.jpg
image_pdf

Ottocento chilometri costruiti in soli 8 anni, con il contributo dei migliori ingegneri e con l’utilizzo di materiali e tecnologie all’avanguardia per i tempi. Ha aperto a Saie 2014, nel padiglione 25 dell’area Federbeton, la mostra fotografica “L’Autostrada del Sole. Il cemento e la scuola italiana d’ingegneria”.

Dell’infrastruttura più famosa d’Italia hanno parlato, con Sergio Crippa, presidente Federbeton, Paolo Buzzetti, presidente Ance, e Giorgio Squinzi, presidente di Confindustria. Squinzi ha ricordato che anche oggi come allora “bisogna dare priorità agli investimenti, soprattutto in infrastrutture, strade, alta velocità ferroviaria, ma anche infrastrutture della comunicazione, per rilanciare la nostra economia.”

“La mostra rappresenta nel modo migliore i cinquant’anni”, ha commentato Duccio Campagnoli, presidente di BolognaFiere, puntualizzando che “il made in Italy deve tornare al centro degli investimenti: anche il Saie nasceva 50 anni fa, e nasceva come salone dell’industrializzazione edilizia. Ancora oggi come allora bisogna dare valore all’industria italiana”.

Non ancora completata, l’autostrada è apparsa ai tecnici stranieri come la più bella del mondo tanto che i suoi ponti sono stati esposti al Moma di New York. Il progettista dell’intero tracciato, l’ingegnere Francesco Alimone Jelmoni, aveva immaginato di un’unica tipologia di ponte. Ma Fedele Cova, amministratore delegato della Società Autostrade, scelse di affidare i lavori di costruzione con la procedura dell’appalto concorso, dividendo il percorso in centinaia di piccoli lotti di pochi chilometri ciascuno.

Questa modalità ha coinvolto tutte le più grandi imprese italiane e tutti i principali ingegneri strutturisti del Paese, che hanno potuto disegnare il loro originale ponte per la strada dell’unità nazionale: Riccardo Morandi, Silvano Zorzi, Grulio Krall, Arrigo Carè e Giorgio Giannelli, Carlo Castelli Guidi, Guido Oberti e tanti altri, chiamati a contribuire, nel rigoroso rispetto dei costi previsti e chiudendo i cantieri con qualche mese di anticipo. Un grande contributo al boom economico e al successo del made in Italy nel mondo.

Copyright © - Riproduzione riservata
A Saie 2014 inaugurata la mostra sull’Autostrada del Sole Architetto.info