Carlo Ratti Associati progetterà il restyling dello stabilimento Mutti | Architetto.info

Carlo Ratti Associati progetterà il restyling dello stabilimento Mutti

Vincitore di un concorso a inviti con Marco Visconti Architects e Ai Studio - Ai Engineering, il progetto di Carlo Ratti Associati rivede il masterplan del complesso e crea un nuovo ingresso con pannelli di vetro riciclato dai contenitori delle conserve

© Carlo Ratti Associati
© Carlo Ratti Associati
image_pdf

Carlo Ratti Associati, insieme a Marco Visconti Architects e Ai Studio – Ai Engineering, ha vinto “Radici e futuro”, il concorso internazionale a inviti lanciato da Mutti per l’impostazione di un progetto di rinnovamento complessivo e la proposta di una nuova identità visiva per lo storico stabilimento di Piazza di Montechiarugolo, frazione di un piccolo centro emiliano a una manciata di chilometri da Parma.

L’azienda attiva nel settore della produzione e imbottigliamento di conserve alimentari ha radunando nella prima parte dell’anno otto studi internazionali (oltre ai vincitori, fra cui Carlo Ratti Associati è stato autore del Future Food District all’Expo di Milano, la multinazionale basata a Londra Arup, gli olandesi West 8 e Open Platform for Architecture, i danesi Nord Architects, i milanesi Federico Oliva Associati e i tedeschi Henn Architects), ai quali aveva chiesto di formulare proposte di revisione di un complesso oggi ben funzionante.

Unica sede aziendale, lo stabilimento si è costruito nel corso di oltre un secolo di attività lungo la strada statale di collegamento con Parma, immerso in un tipico paesaggio padano. Formato da una serie di capannoni affiancati e interconnessi e caratterizzato dalla presenza di grandi serbatoi circolari per il trattamento dell’acqua, riesce oggi a gestire tutte le fasi di un processo produttivo che ogni giorno convoglia 60 camion per il trasporto della materia prima trattata, i pomodori.

La proposta selezionata, presentata sotto forma di suggestione attraverso una serie di render, rivede soprattutto le aree esterne senza intervenire in modo pesante sull’esistente, ispirata ai versi dell’”Ode al pomodoro” di Pablo Neruda parte della strategia di comunicazione aziendale.

L’intervento delineato, guidato dall’accentuazione del legame con il territorio e il paesaggio circostante, parte dalla reimpostazione dell’area antistante lo stabilimento, oggi accessibile da una piccola rotatoria lungo la statale e destinata principalmente allo scarico merci e al parcheggio per i mezzi di rifornimento e, verso ovest, alla sosta per le automobili. Mantenendo inalterate le vie di accesso e la distribuzione interna, crea una nuova quinta di sfondo che chiude alla vista i capannoni retrostanti e suddivide l’area in due parti che da un lato mantengono il parcheggio esistente mentre dall’altro riorganizzano gli spazi per la movimentazione e la sosta dei mezzi pesanti inserendo un’ampia area verde che mette in primo piano il paesaggio circostante.

masterplan_copy Carlo Ratti Associati

© Carlo Ratti Associati

La linea di demarcazione fisica tra le due nuove aree, e segno della nuova identità visiva del complesso, è costituita dalla realizzazione di una struttura che, lunga 150 m, alta 7 m e affiancata da uno specchio d’acqua, collega la rotatoria con lo stabilimento ed è costituita da due diaframmi paralleli e porosi formati a loro volta da pannelli di vetro riciclato dai contenitori dei prodotti commercializzati da Mutti. I pannelli prenderanno il colore aziendale, il rosso, e saranno marchiati da un logo che si illumina di notte. All’interno di questo nuovo elemento architettonico, sarà possibile collocare attività e spazi aperti al pubblico, tra cui una caffetteria chiusa all’interno di una serra idroponica e un’area museo dedicata all’alimentazione.

Piccole modifiche interverranno anche nelle aree esterne allo stabilimento, che smantelleranno i vecchi serbatoi di decantazione sostituendoli con canneti per fitodepurazione ridefinendo il paesaggio interno.
L’intervento è previsto in realizzazione nei prossimi 5 anni.

Leggi anche: La nuova sede Coca-Cola HBC a Milano realizzata dai brand di Lombardini22: DEGW, L22 e FUD

Copyright © - Riproduzione riservata
L'autore
Carlo Ratti Associati progetterà il restyling dello stabilimento Mutti Architetto.info