@ ABITARE IL TEMPO, VERONA | Architetto.info

@ ABITARE IL TEMPO, VERONA

wpid-29_home.jpg
image_pdf

16-20 settembre 2010

Due allestimenti-frammento dell’architetto toscano anticipano, in scala 1:1, altrettante realizzazioni future.

Le installazioni “al vero” in seno ad Abitare il Tempo, appuntamento annuale a Verona, rappresentano per Simone Micheli dei momenti di approfondimento di una ricerca progettuale del tutto originale. Ma costituiscono anche dei momenti narrativi di grande potenza, capaci di mettere in corto circuito cerebralità ed emozionalità.

Con due allestimenti sarà in grado di far comprendere ai visitatori la grande portata di altrettante operazioni immobiliari e come la dimensione legata al mondo commerciale e alberghiero possa trasformare i propri perimetri contenutistici per divenire un vero e proprio vitale luogo di culto, all’interno del quale poter compiere variegate esperienze”.

Oversea Building: si tratta di un edificio che si affaccia sul mare con un profilo totemico. Si propone come un frammento di materia che intende trasformarsi in una vera e propria icona, connessa alla dimensione dell’eco-compatibilità, capace di divenire un simbolo per il futuro fare architettonico.

L’edificio, dai tratti formali estremamente essenziali, caratterizzato da fluide geometrie e da tratti compositivi densi di energia, è caratterizzato da interni rigorosi, puliti e pieni di emozione ne completano i dinamici tratti espressivi. Tutto parla di sostenibilità, di attenzione all’ottimizzazione di costi realizzativi e gestionali, senza trasformare l’intera operazione in banale speculazione immobiliare ma anzi raggiungendo un coerente quanto intelligente risultato di fusione, tra senso funzionale, prestazionale ed estetico. La perfetta osmosi tra l’esterno e l’interno di questo insieme spaziale lo rendono un edificio “post organico” capace di parlare un linguaggio omogeneo tra dentro e fuori, capace di rendere invisibile la linea di confine tra l’ambito involucrato e involucrante.

Expo Design e Hotel del Design 2015, 100.000 mq di eccellenze del made in Italy per il nuovo centro di Varedo, in Brianza. Da un’area industriale (la ex-Snia) nasce un importante progetto di riqualificazione urbana che intende trasformare uno storico luogo di lavoro in “nuovo strumento economico”.

Questo ambizioso progetto, connesso al circuito dell’Expo 2015, viene presentato attraverso un’installazione esemplificativa all’interno della mostra Linking People.

Il senso funzionale e propositivo dell’area sarà caratterizzato dalla contaminazione. Plurime storie commerciali e paracommerciali, laboratori, momenti di espressività didattica, spazi esperienziali e museali, ambiti volumetrici ludici e di servizio, aree dedicate alla sosta e alla ristorazione si articoleranno al suo interno, originando un insieme estremamente interessante e vitale, una vera e propria rete nella rete. Di ciò ne è testimonianza attiva l’Hotel del Design, connotato da plurime zone (lounge, ristorante, bar, sale congressi, centro benessere, area bambini, camere standard, suite e junior suite) in cui vivere esperienze pronte e divenire memoria. Le parole chiave per comprendere il respiro di questo progetto, dunque, saranno: integrazione, interazione, osmosi, ibridazione, contaminazione per una contemporaneità camaleontica.

{GALLERY}

Copyright © - Riproduzione riservata
@ ABITARE IL TEMPO, VERONA Architetto.info