Capsule: un negozio in bianco e nero | Architetto.info

Capsule: un negozio in bianco e nero

wpid-10412_home.jpg
image_pdf

Lo scopo del progetto era quello di creare un negozio altamente elegante, spazioso e accogliente; obiettivo che è stato raggiunto da una prima analisi dell’intervento mediante l’utilizzo della bicromia bianco e nero, e dall’uso di ampie superfici curve e ad arco laccate e luminose.

I due architetti che hanno redatto il progetto – Sandor Gocsei e Eniko Korompay – hanno mantenuto le colonne interne e la struttura portante dell’edificio in un palazzo storico nel centro di Budapest, dando poi nel rapporto spaziale dell’allestimento un tocco di contemporaneità. Entrando nel negozio, che si sviluppa per 230 metri quadri, si ha l’esperienza di entrare in uno spazio espositivo: le chiare superfici degli interni, il design bianco, l’illuminazione, sono tutti elementi che sottolineano la vocazione fashion del negozio. La semplice cassa cubica sorregge un manichino e lo mostra come se fosse un oggetto d’arte, mentre la “scheggia di vetro” nera che pende su di esso dal soffitto vi conferisce un ulteriore enfasi.

Le piccole scatole sul muro reinterpretano la tipografia del negozio multimarca, mostrando la lettera “a” del logo anticipano l’esposizione degli accessori fra cui quelli di Tom Ford, YSL e D&G. L’incavo a forma di capsula nella parete crea lo spazio esclusivo di un armadio dedicato alla collezione da donna di Tom Ford.

Il backspace del negozio ha una altezza inferiore al resto degli interni, quindi si era creata la necessità di collegare le due parti nel miglior modo possibile. In tal caso il Barrisol è venuto in aiuto così che lo spazio antistante del negozio slitta nel backspace mediante un tetto arcuato e lucido, creando un passaggio soft pur nei diversi rapporti dimensionali.

{GALLERY}

Copyright © - Riproduzione riservata
Capsule: un negozio in bianco e nero Architetto.info