Dal mare alla terraferma | Architetto.info

Dal mare alla terraferma

wpid-3535_homeinterior.jpg
image_pdf

Dopo una carriera costellata di successi nello yacht design il team di architetti e ingegneri di Victory Design festeggia un compleanno importante con l’inaugurazione della nuova sede. Primo step di nuovi progetti futuri, tutti orientati al disegno di spazi interni. Con un percorso di crescita transitato da Southampton a Torino, Roma e Venezia per approdare infine a Napoli, Victory Design trasforma la passione del suo fondatore in un’efficiente officina di design e progettazione.

Con il tempo l’origine dello studio – progetti nautici per barche da competizione prima e barche da diporto poi – non viene mai rinnegata, ma si estende ad altri settori.

Nel “mare” delle idee Victory Design naviga sempre vigile e, come una barca che sfrutta il vento dell’ispirazione, approda in territori prima inesplorati, portando il meglio di tutta la sua esperienza per realizzare soluzioni progettuali inedite.

{GALLERY}

Il punto di partenza è il nuovo show-room, un open-space di 300 mq al settimo piano di un edificio affacciato sul Golfo di Napoli, concepito per essere l’espressione di una “new wave” dell’architettura residenziale. Quella del padrone di casa, Brunello Acampora.

A parlare sono i materiali e gli accorgimenti architettonico-funzionali adottati. Trionfano il vetro trasparente delle pareti, che delimitano gli uffici senza chiuderli; il marmo bianco di Carrara, unico protagonista dei pavimenti privi di fughe; il legno, total white per le librerie, marrone scuro per i complementi d’arredo. Un open space moderno, per nulla asettico e molto accogliente, concepito all’insegna di una grande versatilità d’uso… un po’ come un’enorme veranda a picco sul mare o nella plancia di comando di una nave da crociera.

Un luogo di lavoro studiato in ogni particolare, confortevole e impreziosito da dettagli d’ispirazione marinara – come il motivo verticale dei tre oblò a vetro trasparente e a specchio ricorrente nelle porte – e spazi per le pause pranzo e gli intervalli.

Copyright © - Riproduzione riservata
Dal mare alla terraferma Architetto.info