Dal metodo di Gaudi alla sedia di Aram Geenen | Architetto.info

Dal metodo di Gaudi alla sedia di Aram Geenen

wpid-4285_furnistructure.jpg
image_pdf

L’iniziativa Furnistructures coinvolge i ricercatori che si occupano di sistemi strutturali che si trovano in natura o in architettura e cercano le possibilità per applicarli nel design di pezzi di arredamento leggeri.

L’opera di Studio Aram Geenen si ispira al metodo usato dal celebre architetto catalano Antoni Gaudì per il progetto dell’arcinota chiesa della Sagrada Familia. Gaudì riusciva a determinare la forma più resistente e miglior disposizione di una costruzione con la legge di gravità, appendendo il modello a testa in giù attraverso delle catene.
Si tratta di una seduta, la cui forma è stata ottenuta con questo stesso metodo, affiancato da un software che ha generato la struttura dei lati e delle gambe della sedia, tendendo conto della complessità delle forze in uno schienale.

Lo script utilizzato per determinare la struttura delle gambe della sedia è basato su tre steps: distribuzione delle forze lungo la superficie della sedia, direzione delle forze per definire la direzione delle gambe e, infine il totale di forza che specifica l’altezza delle gambe. Un sottile guscio di fibra di carbonio è stata scelta proprio per la sua leggerezza e resistenza. Questo gestisce le forze di compressione e la sottostruttura a griglia, di un bianco abbagliante, è stata progettata usando tecniche di proto-tipizzazione rapide che hanno permesso di raggiungere la complessità richiesta e di resistere alla curvatura del guscio.
La sedia è stata creata per la Open Design Platform di Studio Bram.

C.C.

{GALLERY}

Copyright © - Riproduzione riservata
Dal metodo di Gaudi alla sedia di Aram Geenen Architetto.info