Deformare la natura | Architetto.info

Deformare la natura

wpid-4303_TristanCochrane.jpg
image_pdf

Il design estremo non ammette confini. Lo dimostra l’iniziativa “Copy Nature”, promossa recentemente da Max Lipsey, che ha invitato un gruppo di giovani designer allo studio di una collezione di arredi ad alto impatto espressivo.

Il tema di fondo era quello del confronto con la natura vegetale ma, evidentemente, non poteva trattarsi di un approccio pedissequamente imitativo. Se nel Liberty il mondo fitomorfo viene sottoposto a una reinterpretazione serena ed elegante, in questa collezione rileviamo un gusto estremo, trasgressivo, a volte orrido. Si rifugge dalla produzione in serie a favore dell’esemplare unico in cera persa.

Cohen, Begs, Yamamoto e altri ci propongono degli arredi-limite, fortemente scultorei. La loro realizzazione si avvale dell’abilità di artigiani attivi da tanti anni a Beeldenstorm. Ogni pezzo ha una personalità complessa. La natura vegetale è drammatica. Viene deformata, come se osservata attraverso una lente speciale.

{GALLERY}

Copyright © - Riproduzione riservata
Deformare la natura Architetto.info