Deskopolitan: il coworking sbarca a Parigi | Architetto.info

Deskopolitan: il coworking sbarca a Parigi

Il progetto degli inglesi Morey Smith ha realizzato 4.430 mq di postazioni e uffici condivisi nell’ex sede dell’agenzia pubblicitaria BETC, una palazzina del XVIII secolo lungo rue du Château d’Eau

© Frédéric Baron-Morin
© Frédéric Baron-Morin
image_pdf

Lo studio inglese Morey Smith ha completato il progetto di una struttura per uffici in coworking a Parigi, nel X arrondissement, per conto della società Deskopolitan.

Gli spazi coworking si stanno gradualmente diffondendo anche nella capitale francese, dove stanno pianificando il loro ingresso o lavorano a programmi di espansione società estere come la newyorchese WeWork o l’olandese Spaces, che, presente con una sede anche a Milano, a Parigi ne ha recentemente avviate tre e altre due sono in apertura, ma anche la transalpina Xavier Niel, che, con i 34.000 mq e le 3.000 postazioni del suo Station F, nella capitale francese ha già realizzato uno dei più grandi hub per start up di tutto il paese.

Adattandosi alle esigenze di un lavoro sempre più autonomo e parcellizzato, che raccoglie freelance, ma anche le sempre più diffuse start up e piccole società, gli uffici in coworking offrono agli utilizzatori molti vantaggi: flessibilità, nell’utilizzo degli spazi e nei contratti di locazione, prezzi sostenibili per quasi tutte le tasche, costi di gestione azzerati rispetto all’ufficio tradizionale, apertura 24 ore su 24 per tutti i giorni della settimana e servizi che stanno diventando sempre più ampi e diversificati. Hanno inoltre creato ulteriori aree di investimento per società di servizi e immobiliari più o meno grandi ed estese, occasioni di lavoro per chi garantisce il funzionamento delle strutture e possibilità per le città di puntuale recupero edilizio e urbano.

Gli uffici di Deskopolitan si affacciano su rue du Château d’Eau e, operativi da quest’anno in un quartiere dinamico e in crescita, rifunzionalizzano uno spazio relativamente ridotto nelle dimensioni recuperando un edificio storico. La palazzina nasce infatti nel XVIII secolo a servizio del vicino Hotel Gouthière, di cui riprende le forme e l’apparato decorativo. Prima di essere acquisita, nel 2014, era la piuttosto recente sede degli uffici dell’agenzia pubblicitaria BETC, realizzati tra 2004 e 2005 su progetto di Jung Architectures: l’intervento di Morey Smith non modifica quindi una destinazione d’uso già presente, né un carattere industriale che era stato mantenuto dalla precedente, e recente, trasformazione.

La struttura Château d’Eau si estende per 4.430 mq ed è suddivisa in quattro livelli, di cui il primo è un mezzanino che si apre parzialmente sul piano inferiore. Organizza al suo interno 120 postazioni in hot desking, che ruotano a seconda delle esigenze e delle richieste di affitto, 40 postazioni fisse in open space e 6 uffici singoli, che rispondono e corrispondono ad altrettante tipologie di lavoro e si affiancano a 5 sale riunioni. Mentre gli uffici e gli spazi di lavoro occupano i livelli superiori, integrati da servizi comuni e bagni dotati anche di docce, il piano terra è parzialmente destinato ad attività commerciali al servizio sia degli uffici ai livelli superiori che del quartiere: gli spazi sono infatti attualmente occupati da un salone di parrucchieri, da una panetteria e da una caffetteria che si affiancano a funzionali box, chiusi e insonorizzati, per le telefonate.

L’offerta delle postazioni si rivolge a una domanda locale, fatta di freelance, piccole start up e imprese innovative, ma anche a un’utenza esterna più occasionale, portata dalla vicinanza della Gare de L’est e della Gare du Nord.

All’interno, impianti e strutture a vista, lampade e corpi illuminanti che mantengono il carattere industriale del luogo e il rosso vivace di setti e divisori si affiancano alle tinte pastello delle sedie, modulate sulle tonalità del rosa e dell’azzurro, al legno scelto per i tavoli e parte delle balaustre e a pavimentazioni, su cui si alternano le finiture originali, il legno e i battuti di cemento.

Facendosi largo tra le società più grandi, il progetto Deskopolitan è in ampliamento. Sul modello della prima struttura, a inizio 2018 è prevista infatti l’apertura di una seconda sede su rue Voltaire, nel XI arrondissement, che amplierà le sue dotazioni connettendosi ancora di più con il quartiere: oltre agli uffici e i servizi di base comprenderà anche spazi per il fitness, un ristorante, un asilo nido e un albergo.

Leggi anche: Office design: gli uffici di LinkedIn nel mondo

Copyright © - Riproduzione riservata
L'autore
Deskopolitan: il coworking sbarca a Parigi Architetto.info