Eclettismo scatenato | Architetto.info

Eclettismo scatenato

wpid-4093_hotel.jpg
image_pdf

Boscolo Hotel Exedra Milano esprime una concezione innovativa del rapporto tra lusso e contemporaneità. Ubicato nel cuore del quadrilatero della moda, rappresenta una fusione originale di stile, arte e design italiani, uniti alla rinomata eleganza che contraddistingue il marchio Boscolo.

È un “urban hotel”, un luogo dove, al contrario di come ci si aspetterebbe, è stata data maggiore importanza agli spazi comuni, come la spa, la hall, i ristoranti, piuttosto che a quelli privati, come le camere.

Italo Rota, autore del progetto, però non lo definisce un “albergo di design”, ma un luogo dove il design è stato tenuto fuori appositamente per dare spazio a designer e creativi come clienti dell’albergo.

Gli elementi architettonici sono semplici, ma il loro mix avviene in modo brillante, disinvolto: rosso, nero, marmo, acciaio cromato, tutti capaci di accoglierne altri senza ambiguità o dissonanze. La hall e il lounge pub (di cui vediamo qui le foto) hanno il potere di interferire con il paesaggio urbano. Non solo ridiscutono con energia il rigido impianto dell’edificio preesistente, risalente al periodo fascista, ma dilatano la prospettiva del corso Matteotti. La visuale dal marciapiede si dilata improvvisamente verso il lounge, che si trova al piano -1. Lo sguardo del passante è attirato verso il basso da un allestimento spettacolare e psichedelico, dominato da una giostra di tubi cromati e da fantasie cromatiche stile Arlecchino.

È una presenza coraggiosa, specialmente in una città che, in fatto di hotel, ha avuto solo esempi anemici e conformisti.

{GALLERY}

Copyright © - Riproduzione riservata
Eclettismo scatenato Architetto.info