Edra in Wonderland | Architetto.info

Edra in Wonderland

wpid-4527_home.jpg
image_pdf

Materie naturali, utilizzate con una lavorazione apparentemente minima in modo che conservino il loro prezioso sapore. Comfort libero. I divani mostrano quell’aria un po’ sfatta che è propria degli oggetti d’affezione: di ciò che veramente si usa e si ama.

Questo paesaggio fatto di tessuti pesanti, grandi ante di massello di mogano, pelli intere e morbide ci trasporta, appunto, nel paese delle meraviglie.

I fratelli Campana, nel loro percorso con Edra, hanno sempre considerato la materia con cui ciascun pezzo è realizzato come un valore in sé. Così si arriva a “Grinza”: un telaio in tubolare d’acciaio e imbottitura in poliuretano, ove vengono utilizzate grandi pelli o pellicce ecologiche morbidamente distribuite sulla struttura.

Francesco Binfaré, per disegnare il suo nuovo imbottito che assume la denominazione di “Sfatto”, guarda alla vita vera negli atelier dei pittori, ove l’esistenza facendo il suo corso ha lasciato segni e pieghe su un divano dai logori tessuti. Binfaré riconosce lì un concetto di comfort tanto intrigante quanto lontano dalla regola del “tutto perfetto”. Ecco quindi “Sfatto”, dall’imbottitura morbidissima e dallo schienale modellabile, ricoperto con pesanti tessuti.

costruita da un lato su una sofisticata ingegnerizzazione e dall’altro da una lunga operazione di finitura manuale. “Sfatto” consente di passare con un semplice gesto da un divano classico e basso a un divano alto e avvolgente.

Copyright © - Riproduzione riservata
Edra in Wonderland Architetto.info