Fincube: una casa trasportabile | Architetto.info

Fincube: una casa trasportabile

wpid-4440_home.jpg
image_pdf

Natural high tech. Questo in estrema sintesi il concetto di FINCUBE, una casa modulare, trasportabile, a basso consumo energetico, installata a 1200m sul livello del mare nei pressi di Bolzano, nel bel mezzo delle Dolomiti; ma a differenza di tutti gli edifici permanenti può essere facilmente modificata, ampliata, ridimensionata o rimossa e reinstallata in altro sito, poiché necessita di una base d’appoggio di soli 2 metri quadri, così che la zona utilizzata può essere presto ri-naturalizzata.

E’ progettata da Werner Aisslinger e sviluppato con un team sudtirolese, con base a Bolzano.

La struttura portante è in legno di larice locale e l’interno è una combinazione di larice e cirmolo: l’edificio dispone di 47 m2 di superficie abitabile per un’altezza di 3 metri netti, e lo spazio è organizzato in una struttura elicoidale: la zona d’ingresso si fonde in una cucina generosa e luminosa con un’ampia zona living con divano, girato un angolo si entra nella camera da letto e più internamente si trova il bagno spazioso. Il design è minimale, lo spazio interno in legno a-360°, tripli vetri, con finestre su tutti i lati protette da struttura in legno che consente alla luce di penetrare ma filtrata, che garantisce privacy e insieme un disegno di facciata che conferisce alla costruzione di una forma globale che ricorda un fungo, per fondersi nelle montagne o in altri ambienti naturali.

Tutte le funzioni vitali della casa sono controllate da un pannello touchpad centrale.

Queste qualità fanno sì che si parli di utilizzare la FinCube come prototipo per ambienti futuri di ospitalità: zone di hotel temporanee che potrebbero essere create in bellissimi paesaggi, senza alterarne in modo definitivo il paesaggio. In tal senso risponde alle esigenze future di turismo flessibile e intelligente, di lusso a basso impatto.{GALLERY}

Copyright © - Riproduzione riservata
Fincube: una casa trasportabile Architetto.info