Flessuoso come un tessuto, solido come acciaio | Architetto.info

Flessuoso come un tessuto, solido come acciaio

wpid-4733_TextileSketch.jpg
image_pdf

L’effetto ottico è notevole: una struttura che evoca la flessuosità dei tessuti, ma è rigida come il metallo. È la linea “Textile Sketch” della designer olandese Kiki van Eijk, in mostra fino al 12 aprile all’interno della mostra The Pop-up Generation presso il Moti (Museum of the Image) di Breda.

 

La collezione, che include una sedia, un tavolo, un tavolino, una lampada e anche un armadio, nasce con l’idea di trasferire la mobilità e la flessibilità delle forme tessili in una struttura solida e pesante di metallo; per realizzarla, la designer di Eindhoven ha utilizzato tecniche differenti mutuate dall’artigianato e dalla lavorazione del metallo: rifiniture al laser, profilatura del metallo tramite tecniche 3D, saldatura e guarnizione tramite fiamma ossidrica e una rivestitura di nickel per la trama.

 

Grazie a un sapiente uso delle proporzioni, le tecniche permettono di avere l’illusione del movimento del tessuto al punto che la designer è riuscita a simulare persino la morbidezza di un cuscino. I colori variano dal rosso al blu, dal nero al bianco.

 

Attiva sulla scena del design olandese dal 2001, Kiki van Eijk si è specializzata nell’applicazione delle texture al design di interni, tramite uno studio approfondito delle possibilità dei materiali. Nei suoi lavori rielabora – spesso con un pizzico di ironia – gli elementi tradizionali dell’arredamento di una tipica casa olandese, come nel “Kiki Carpet”, tappeto realizzato nel 2001 che grazie a un gioco di proporzioni e illusioni le ha permesso di essere apprezzata molto presto come nuovo talento del design.

 

V.R.

{GALLERY}

Copyright © - Riproduzione riservata
Flessuoso come un tessuto, solido come acciaio Architetto.info