Fuorisalone 2015: Litta Beach | Architetto.info

Fuorisalone 2015: Litta Beach

L'installazione di Marcio Kogan (Studio MK27) realizzata per la mostra di Palazzo Litta a Milano "A matter of perception"

wpid-5452_MKLittaBeach.jpg
image_pdf

Gli spazi di Palazzo Litta a Milano, in occasione del Fuorisalone 2015, ospitano un’installazione realizzata ad hoc da Marcio Kogan, progettista fondatore dello Studio MK27, e realizato da Casone, azienda specializzata in estrazione e lavorazione di pietre e marmi. 

L’iniziativa si inscrive nella più generale cornice A matter of perception – serie di eventi pensata e organizzata da Mosca Partners in collaborazione con la rivista DAMN° – che include progetti di architetti e designer di grande levatura quali Michele De Lucchi e Andrea Branzi, Humberto e Fernando Campana, Jasper Morrison, Punkt., Studio Irvine, Hans J. Wegner (PP M.bler), Emmanuel Babled, XAM, Mario Trimarchi, Ben Storms, Arkof, Galerie Křehký, Triennale DesignMuseum e Design Memorabilia.

L’installazione si compone di una piattaforma quadrata flottante di 16×16 m realizzata in Pietra Deep Gray – il cui senso di leggerezza viene accentuato dalla delicata illuminazione di strip-led che ne disegna il contorno – e di un padiglione vetrato, luogo di lavoro e back office. A delimitare i bordi esterni della pavimentazione, un cordolo di Basalto naturale di 1×1 m con spessore 10 cm. La struttura di sostegno è stata realizzata da Capoferri, storica azienda tradizionalmente specializzata nel serramento, oggi con una divisione contract che ha messo a disposizione di Litta Beach le sue competenze, insieme aEternoivica che ha fornito supporti tecnici di alta qualità studiati per pavimenti sopraelevati.

Dislocati sulla piattaforma numerosi pezzi di arredo, tra cui SideTable, tavolo-seduta a firma dello stesso Marcio Kogan e realizzato da Casone in Marmo Noire Dorè. La natura e la disposizione degli arredi regalano all’insieme il sentore di una grande spiaggia dal colore scuro e penetrante.

L’open space della “spiaggia nel cortile” vuole essere un invito allo scambio e all’interazione e giocare sul contrasto delle materie che lo compongono, una questione di “Perception of matter”, appunto!

Copyright © - Riproduzione riservata
Fuorisalone 2015: Litta Beach Architetto.info