I mille "occhi" di un appartamento | Architetto.info

I mille “occhi” di un appartamento

wpid-10972_HP.jpg
image_pdf

Gli architetti giapponesi dello studio Suppose Design Office si sono occupati della progettazione degli interni di una casa privata di circa 120 metri quadrati e disposta su due livelli a Kokubunji, Tokyo.

La principale caratteristica del progetto, che lo rende distintivo, è l’utilizzo di una serie di aperture sovrapposte nelle pareti e nel soffitto che vanno a creare decine di punti di vista diversi tra le stanze dell’appartamento. Il risultato è una struttura completamente aperta, dove i diversi locali ma anche il primo e il secondo piano ”si guardano” attraverso i tanti varchi e le tante finestre posizionate sull’intera superficie.

Le struttura, realizzata in legno, è contenute all’interno di un volume rettangolare, e ospita stanze adibite a utilizzi differenti sui due piani principali, cui si aggiunge un loft open-space al quale si accede attraverso una scala a pioli.

Nel gioco di volumi e di spazi articolati in differenti altezze creato dagli architetti, alcune camere del piano terra sono posizionate a un livello inferiore rispetto ai corridoi, mentre le stanze del secondo livello sono leggermente sollevate rispetto al piano circostante.

O.O.

{GALLERY}

Copyright © - Riproduzione riservata
I mille “occhi” di un appartamento Architetto.info