Il mobile che fa stretching | Architetto.info

Il mobile che fa stretching

wpid-4326_home.jpg
image_pdf

Lo storage sembra ricorrere con insistenza nella ricerca progettuale di Marina Ralph, designer britannica.

Dopo Stop and Store, ecco Stuff, un piccolo armadio a sviluppo verticale, dalla forma essenziale, del tutto simile a quelli che si usano normalmente negli spogliatoi di palestre e fabbriche. Appare poco capiente, ma ci sta molta più roba di quello che si pensa.

La struttura e l’anta sono realizzate in legno di sicomoro. Ma i fianchi hanno qualcosa di strano… Essendo in latex, si dilatano verso l’esterno. Il mobiletto assume così un gonfiore che si adatta ai volumi e alle sagome degli oggetti che vengono collocati all’interno. Dal momento che le fiancate in materiale elastico hanno la stessa tonalità del legno, l’effetto è davvero curioso.

È forse il primo esempio di mobile studiato per la costipazione. Sembra quasi che il minuscolo armadio abbia un’anima e una vitalità . Ma si sa che il design contemporaneo si occupa volentieri delle situazioni limite.

{GALLERY}

Copyright © - Riproduzione riservata
Il mobile che fa stretching Architetto.info