Inaugura il Museo Temporaneo del Design di Civita Castellana | Architetto.info

Inaugura il Museo Temporaneo del Design di Civita Castellana

wpid-18647_lavanderia.jpg
image_pdf

Il prossimo venerdì 4 ottobre inaugurerà il Museo Temporaneo del Design di Civita Castellana, voluto dall’Associazione per il Disegno Industriale (ADI www.adi-design.org) Lazio e visitabile fino al 18 Ottobre 2013 negli spazi Ex Carcerette di Via Vinciolino 7.
Nato come proposta per un progetto espositivo permanente, il Museo ha il fine di valorizzare la millenaria tradizione artigianale del territorio, poi diventata eccellenza industriale.

Lo spazio cerca, attraverso la cultura del design, di evidenziare l’identità e il know-how di un distretto produttivo in una visione d’insieme. La mostra, organizzata da ADI Lazio, porta alla ribalta le aziende del distretto del viterbino, attive nel settore dell’arredobagno e i designer che hanno contribuito al loro successo.

Curata da Paolo d’Arrigo, Anika Elisabetta Luceri e Oscar Vitale, l’esposizione è incentrata su un distretto che nel corso degli anni si è ritagliato un ruolo centrale nella storia dell’arredobagno: “Chi oggi vuole declinarne il racconto in un linguaggio sia nazionale che internazionale”, dicono i curatori, “non può prescindere da questo territorio”.

Il successo di queste aziende deriva dalla tradizione ceramica locale, dalla competenza degli operatori, dalla capacità di rinnovarsi valorizzando le proprie origini. A tutto ciò è necessario sommare la capacità di rinnovarsi e di stare al passo coi tempi: l’intuizione che l’orientamento verso il design, inteso come progetto di qualità, è un valore essenziale nella competitività su un mercato sempre più ampio.

 

Il design è quindi all’origine di un processo virtuoso del distretto che è stato capace di generare nuove aziende e nuovi servizi, ma anche di formare professionisti del progetto.

 

Fra le aziende sostenitrici del progetto, la Colavene, fondata nel 1968, che ha messo a disposizione della mostra il tecno-lavatoio Active Wash disegnato da Marc Sadler, il lavatoio ‘light’ ideato dal romano Studio Triplan e la linea Acquaceramica di Alessandro Paolelli. Si tratta di tre diversi approcci al design esemplari. I protagonisti, infatti, sono i designer che negli ultimi 20 anni hanno rivoluzionato l’ambiente bagno ma anche tutte quelle figure professionali (creativi e progettisti) che -a livello locale- hanno preso parte all’evoluzione del settore.

Copyright © - Riproduzione riservata
Inaugura il Museo Temporaneo del Design di Civita Castellana Architetto.info