La citta' ideale di Le Corbusier diventa un sofa' | Architetto.info

La citta’ ideale di Le Corbusier diventa un sofa’

wpid-102_nuovissima.jpg
image_pdf

La città di Chandigarh in India, capitale da lato indiano dello stato del Punjab, è nota per essere la metropoli al mondo con il maggior numero di opere di Le Corbusier. Il grande architetto, infatti, negli anni Cinquanta realizzò il piano urbanistico per volere dell’allora primo ministro Jawaharlal Nehru, che vide rispecchiati nel progetto dell’architetto francese i nuovi ideali di sviluppo economico della nazione indiana.

Caratterizzata da una forte impostazione modernista, l’architettura di Chandigarh risente decisamente dell’influenza europea; il suo paesaggio urbano è segnato da strade parallele e traverse, e il cemento armato, organizzato in strutture geometriche lineari, domina l’immaginario, diventato il simbolo di un’epoca della storia dell’architettura del secolo scorso.

Ispirandosi alla “città ideale” di Le Corbusier, i designers londinesi Doshi & Levien hanno realizzato per il brand italiano Moroso una linea che si chiama proprio “Chandigarh”.

Il sofa’ è caratterizzata da un corpo centrale decisamente ampio, ricoperto di cuoio o stoffa, incassata in una struttura di acciaio elegante. Le varietà di rivestimenti disegnate appositamente richiamano lo stile moderno e graficamente eccentrico dell’architettura di Le Corbusier.

Una linea che riesce ad essere allo stesso tempo comoda e robusta, elegante e compatta.

A complemento della collezione, un set di tavoli che alternando vetro, metallo lucidato e acciaio tubolare, arricchiscono grazie alla scelta dei materiali i riferimenti a Le Corbusier.

V.R.

{GALLERY}

Copyright © - Riproduzione riservata
La citta’ ideale di Le Corbusier diventa un sofa’ Architetto.info