L'eco-ritiro in una casa ecologica nel deserto tunisino | Architetto.info

L'eco-ritiro in una casa ecologica nel deserto tunisino

wpid-8159_home.jpg
image_pdf

Matali Crasset ha ideato una casa ecologica nel deserto tunisino. Dopo l’esperienza del HI hotel a Nizza, ora a Nefta progetta “Dar HI” che è frutto della collaborazione tra Matali Crasset, Patrick e Philippe Elouarghi Chapelet per un nuovo concetto di eco-ritiro. Matali letteralmente ha fatto sorgere dalla sabbia una cittadella dedicata al benessere. Protetto da mura di cinta, il progetto è una composizione di case che costituiscono Dar HI come un piccolo villaggio. L’obiettivo architettonico è quello di formulare una forte proposta ma in armonia con il luogo naturale e la vita locale. Un approccio di sviluppo di auto sufficiente e locale in cui il giardino sarà la principale fonte di verdura e frutta, i cuochi proporranno una varietà di piatti locali e semplici senza prodotti importati o con una cucina per turisti. A Dar HI i colori principali sono l’ocra e il sabbia con una completa attenzione al corpo e allo spirito sia nelle aree private sia in quelle comuni, nella piscina, ristorante e spa.

Matali Crasset progettato 3 diverse aree: le “case pillola”, i “troglodytes” e le “dune”. Ognuna di queste possibilità è l’interazione con la vita del sito e dell’hotel con i suoi ospiti. “Ho ideato un’architettura che è rivolta verso l’interno quando si è all’esterno, e verso l’esterno quando si è all’interno, invertendo i codici comuni”, spiega Matali. Con il muro di cinta, tipico dell’architettura locale, Dar HI segue il movimento del terreno, seguendo le forme del sito ed emergendo dalla sabbia come un miraggio. All’interno, le case elevate sembrano essere piantate nella sabbia e sono la struttura stessa del progetto. Esse sono collocate in base all’esposizione al sole e al panorama. Questa architettura di “case pillola” danno la possibilità di vivere diversi scenari a Dar HI”, afferma Matali. Le case pillola sono elevate al di sopra del muro di cinta e offrono panorami diversi: il boschetto, il paese di Nefta o del Chott El-Jerid. Queste case hanno tutte una vista eccezionale. Alcune hanno un panorama che si affaccia all’orizzonte del lago salato, altre hanno la vista sul palmeto e sul suo paesaggio molto vario. Tutte molto diverse, una è più intima essendo sopraelevata da terra con una vista panoramica, un’altra a livello del terreno è più a contatto con l’area comunale. I “troglodytes”: per un’esperienza di minerale le zone chiamate trogloditi realizzate con piccoli mattoni di Nefta sono completamente indipendenti con le loro terrazze private, ma collegati tra loro da una zona circolare comune. E la vita collettiva si articola intorno ad una piccola piazza con una cascata d’acqua e un forno per il pane. Mentre le “dune” sono le zone a livello di sabbia. Sono come spazi aperti scolpiti dal vento. L’ispirazione è stata il bivacco, che permette di modulare il comfort come più piace. L’esperienza di vita all’interno delle dune creare un “nido” per sentirsi più vicini al deserto. Sono tutte diverse, una con una loggia con luce naturale e un giardino interno, un’altra molto spaziosa con una terrazza esterna e una grande finestra con la vista su Nefta, la terza pure molto spaziosa e fresca.

Dar HI ha diversi spazi comuni che sono luoghi di incontro e condivisione, e una circolazione facile dà un grande potenziale per utilizzare l’area al meglio. La cucina, aperta all’esterno è un laboratorio dove si possono vedere i cuochi al lavoro, tutti provenienti dal villaggio di Nefta. La zona è aperta agli ospiti a ogni ora del giorno e della notte. Non vi è un’area dedicata al solo ristorante, ma un grande tavolo e molti tavolini che possono essere ri-organizzati. L’auditorium è un’area che cambia in base alle attività, cinema, musica… e poiché non vi sono televisori nelle stanze qui le persone possono raccogliersi e ascoltare musica o guardare un film. La biblioteca: con scaffali di legno dove i libri sono disposti e facilmente accessibili, per scegliere un libro, leggerlo, riporlo o sedersi comodamente a leggerlo. La zona giorno modulare, con pouf, è una zona molto gradevole che si può auto-costruire: con alcove, muretti in terracotta e camino, è una bella zona per serate intime e calde.


{GALLERY}

Copyright © - Riproduzione riservata
L'eco-ritiro in una casa ecologica nel deserto tunisino Architetto.info