Matteo Grassi per l'Hangar 7 | Architetto.info

Matteo Grassi per l’Hangar 7

wpid-4406_matteograssiREDBULL.jpg
image_pdf

Il brand italiano di arredamento Matteo Grassi ha curato l’interior per l’innovativo Hangar 7, spazio di avanguardia, completato nel 2003 e voluto dal proprietario di un celebre energy drink. Dietrich Mateschitz, fondatore del noto brand Red Bull, la bevanda energetica, famosa anche per il motto “Red Bull di mette le ali”, è anche proprietario di un celebre hangar, situato a Salisburgo, in Austria. Da sempre considerato museo privato, è anche “quartier generale” della componente aerea del noto brand, “The Flying bulls”, il cui team è nato nel 1980 e è composto da professionisti appassionati di volo.

La flotta di velivoli, col tempo, è incrementata a tal punto da porre un vero problema di spazi. Il vecchio hangar non era sufficientemente ampio, così si è deciso di realizzare il modernissimo Hangar 7. Non sono solo l’idea ed il concept del nuovo hangar ad essere fuori dal comune, anche il processo di costruzione è stato particolarmente  innovativo. Infatti, per via della sua forma inusuale, il modellino dell’edificio ha persin{GALLERY}o dovuto passare i test della galleria del vento. Oggi, questo prestigioso spazio dal design innovativo, dove l’aviazione storica, la tecnologia, l’intrattenimento, l’arte e la cucina si intrecciano, è arredato da un’azienda italiana: la Matteo Grassi.

Il design moderno dei prodotti della casa brianzola è stato scelto da Mateschitz per arredare non solo il suo ufficio, ma anche tutti gli spazi comuni. L’ambiente futuristico è infatti completato dalle sedute della collezione Openside, disegnata da Franco Poli, che accolgono al pian terreno gli ospiti in visita al museo. I divani, dal design pulito e lineare, sono interamente rivestiti in pelle e cuoio pregiati e sono stati realizzati in bianco e in rosso. Seguendo il progetto voluto da Mateschitz, sono stati inseriti molti altri prodotti nelle  zone attesa e negli spazi operativi, come le panche UL400 di Ulrich, i divani Blox, Bristol e Berlin, le poltroncine girevoli Mizar e Carol, i tavoli Metron, per un totale di 262 sedute.

Copyright © - Riproduzione riservata
Matteo Grassi per l’Hangar 7 Architetto.info