Quando il cioccolato si fa spazio | Architetto.info

Quando il cioccolato si fa spazio

wpid-7941_home.jpg
image_pdf

L’idea alla base del progetto è quella di costruire una boutique emblematica per la città di Brussels e che individuasse ed esaltasse i mastri cioccolatieri più importanti del Paese, fra le più antiche attività dei Paesi Bassi. La Maison è un marchio nuovo e a sé stante ma che nasce da una federazione di più cioccolatieri insieme, progettata e realizzata dallo studio dell’architetto Gwenael Hanquet.

La tentazione più banale sarebbe stata quella di creare un negozio non unitario ma un mosaico dei diversi artigiani con le loro storie e prodotti. Al contempo richiesta imprescindibile era quella di non annullare le diverse identità presenti nel nuovo brand ma creare una maggiore forza commerciale, estetica e di visibilità. Alla Maison des Maîtres Chocolatiers quindi ogni singolo marchio è in mostra per le sue qualità specifiche, ma in una scenografia omogenea che incrementa il valore del progetto.

Il termine «Maison» è stato scelto per il suo richiamo famigliare e della tradizione. Mentre l’aspetto puramente belga del progetto (il cosiddetto 100% Belge) si esprime attraverso i codici preso in prestito dal mondo del cioccolato (100% cacao..). Per quanto riguarda il carattere tipografico della scritta, altro elemento di forte riconoscibilità, è stato scelto un mix che concilia i valori dell’artigianalità e della tradizione, su un fondo colore blu che aggiunge luminosità e contemporaneità.

La boutique è trattata come uno spazio totale in cui l’immersione nel cioccolato puro è avvolgente. Boiseries in legno trattato e verniciato che richiamano la cristallizzazione del cioccolato in una forma che oscilla dallo stato liquido allo stato solido; color cioccolato per le pareti della Maison che sembrano blocchi di cioccolato cui sono state private preziose scaglie; e che con questo gioco di pieni e vuoti creano delle perfette vetrine per l’esposizione dei diversi prodotti artigianali. Ogni nome infatti è dotato di uno spazio dedicato per il proprio ritratto, carriera, luogo di nascita e citazioni personali. Sul pavimento, linee di fuga incise segnano il collegamento dei muri agli spigoli delle isole centrali che sembrano nascere da terra e crescere con la stessa geometria dell’intorno. Trattate con lo stesso colore marrone-cioccolato, sono display dotati di una lastra di vetro retro-illuminato per evidenziare i prodotti della Maison des Belges Maîtres Chocolatiers. Si prestano a esporre le innumerevoli quantità di praline che i visitatori possono scegliere nella boutique assieme alle più di dieci varietà di cioccolata in busta da portare a casa come dolce ricordo di una terra inaspettatamente calda.

{GALLERY}

Copyright © - Riproduzione riservata
Quando il cioccolato si fa spazio Architetto.info