Se la torre antica diventa un pied-a-terre | Architetto.info

Se la torre antica diventa un pied-a-terre

L'intervento dell'architetto Luigi Fragola a Firenze su una torre rinascimentale, trasformata in living space dallo spirito contemporaneo

wpid-5425_luigifragolatorre.jpg
image_pdf

Trasformare una torre di avvistamento rinascimentale nel pieno centro storico di Firenze in un pied-à-terre confortevole e dallo spirito contemporaneo: era questo l’obiettivo assegnato all’architetto Luigi Fragola, portato a termine in Tower Suite.

Committente del progetto un giovane professionista, che aveva il desiderio di avere uno spazio domestico in città, senza per questo rinunciare al confort di una casa curata e pensata secondo le proprie esigenze.

La casa ha una superficie totale di 65mq e si sviluppa su due livelli, più un terzo livello destinato completamente a uno spazio esterno. La particolare e snella tipologia a torre ha dettato le regole per la distribuzione degli ambienti che sfruttano al massimo l’ampiezza del corpo di fabbrica e grazie alle grandi aperture, originali di questo volume, si inondano di luce, permettendo peraltro una vista notevole da ogni lato della casa.

Tramite la scelta dei materiali, dei colori e del linguaggio architettonico, l’architetto Fragola è riuscito a esaltare ogni peculiarità di questo spazio. Per dare rilievo agli elementi costruttivi originali del Rinascimento ha esaltato ciò che era originale riportandone alla luce i colori naturali, come le due grosse travi che attraversano la zona giorno.

Ha invece tinteggiato con un colore chiaro ma caldo il solaio a travicelli che risale ad un intervento degli anni settanta. Il contrasto cromatico permette un immediato riconoscimento della storia dell’antico punto di avvistamento.

Le scale, altro elemento di forza e che si distinguono all’interno dello spazio ri-progettato. Dalle scale d’ingresso, in pietra serena originale, che portano nella zona giorno, si passa alle scale con una raffinata struttura in acciaio tinta in bianco e pedate in legno che portano nella zona notte. Infine da un piccolo terrazzo ad uso della camera si sale un’ ultima rampa che porta in una terrazza libera su tutti e quattro i lati dove è stato attrezzato un vero e proprio spazio living esterno pensato per godere di una vista unica in completo relax.

La casa è composta da un ampia zona giorno dove convivono in un unico spazio il living con un camino, la zona pranzo e la cucina, le due funzioni sono separate dalla scala in metallo che porta al piano superiore. Il pavimento in legno è stato scelto per assicurare un tono caldo e scuro e allo stesso tempo creare un dialogo con l’antico legno delle travi. La decisione è ricaduta su un’essenza di rovere trattata in forno ad alte temperature in modo da assumere un aspetto brunito senza la necessità di colorazioni.

La zona notte è arredata con un grande letto la cui testata in muratura altro non è che l’elemento di divisione con la zona bagno. La ci, pensata come un living all’aperto, è attrezzata con un grande divano che si sviluppa lungo un intero lato e che nasconde un impianto idrico funzionale ad una doccia esterna.  

Copyright © - Riproduzione riservata
Se la torre antica diventa un pied-a-terre Architetto.info