Sotto il foglio, il fuoco | Architetto.info

Sotto il foglio, il fuoco

wpid-4218_home.jpg
image_pdf

Forme essenziali ed evocative, semplicità d’uso: il fuoco nella sua essenza con i suoi pregi e senza i suoi difetti: solo il calore e la luce. Alimentato da una fonte di energia rinnovabile (l’alcool bioetanolo), non necessita di manutenzione e di pulizia. Le sue emissioni sono pulite, si accende e si spenge in qualunque momento lo si desideri.

Il Canto del Fuoco è un progetto di Antoniolupi nato dalla collaborazione con il designer Domenico De Palo e il maestro fumista Massimo Pistolesi.

Il livello formale è pienamente in linea con il grado di innovazione e di raffinatezza tipico di tutti i prodotti dell’azienda toscana, specializzata in arredobagno di alta gamma. Appare come un enorme foglio che si inflette dopo aver subito dei semplicissimi tagli. Visivamente, un effetto di grande eleganza e leggerezza, adatto ad ambienti decisamente contemporanei.

Il camino può essere posizionato a muro oppure integrato nella parete con copertura in cartongesso. Una volta installato può essere verniciato, rimanendo a vista solo la bocca della vela.

Due litri di carburante consentono l’utilizzo del camino fino a 5 ore. Non emette pulviscolo nell’aria, non produce cenere, non necessita di canna fumaria. Ed è perfino meno inquinante del fuoco a legna…

{GALLERY}

Copyright © - Riproduzione riservata
Sotto il foglio, il fuoco Architetto.info