Un hotel per il "nomade globale" del terzo millennio | Architetto.info

Un hotel per il "nomade globale" del terzo millennio

wpid-5041_home.jpg
image_pdf

Il Club Hotel è uno dei più recenti “boutique hotel” di design realizzati dallo studio Ministry of Design. Nell’elegante Club Street di Singapore, l’hotel offre solamente 22 uniche camere diverse una dall’altra, un tetto giardino adibito a eccentrico bar all’aperto dell’hotel e un tapas bar al piano terra.

 

Focalizzato sul branding del Club Hotel, MOD, Ministry of Design, ha ideato una visione unificata per tutti gli ambienti dell’hotel, dalle camere alla hall, ai luoghi di servizio e deposito, ai bar e ristoranti come per la segnaletica degli spazi. Mirata al design e al sempre più in voga stile di vita nomade e globale ma ecologicamente attento, l’atmosfera del Club di design è sofisticata e confortevole, come distintamente locale in alcuni dettagli di netta provenienza cinese, ma complessivamente cosmopolita.

 

Colin Seah, Direttore dello studio MOD afferma “La ricerca dell’atmosfera dell’hotel in un contesto globale, come pure l’area storicamente ricca in cui si colloca, di Club Street nel quartiere Ann Siang Hill di Singapore, ci hanno fornito  ispirazione su 2 fonti diversi che abbiamo fatto lavorare in parallelo.

Il primo è il passato coloniale di Singapore, che abbiamo reso moderno e ironico mediante riferimenti a installazioni d’arte caratteristici come la riproposizione di una statua di Raffles presentata con la testa tra le nuvole, come pure attraverso alcuni pezzi d’arredo forti ma rivisitati artigianalmente.

La seconda ispirazione “locale” è stata fornita dalla popolarità di un vicino centro per immigrati cinesi del secolo scorso, da cui partivano per essere spediti in patria il denaro guadagnato col duro lavoro assieme a malinconiche lettere ai familiari. Noi abbiamo preso i ricordi di questi scambi e creato caratteristiche di questa eredità nelle stanze di The Club, dove il nomade moderno e il nomade di ieri seppur per un breve momento possono incontrarsi.”

 

Tutte le camere combinano il design coloniale della tradizione ispirato a elementi e dettagli di grande eleganza, con un atteggiamento più moderno, volto alla ricerca del comfort, per realizzare complessivamente un’elegante estetica coloniale ma globale. Un layout unico insieme alla realizzazione su misura di ogni stanza rendono le 22 camere irripetibili.

MOD ha progettato la struttura trattandola come un manufatto artistico, e il famoso artista locale Wynlyn Tan ha realizzato opere appositamente per l’hotel.

{GALLERY}

Copyright © - Riproduzione riservata
Un hotel per il "nomade globale" del terzo millennio Architetto.info