Una macelleria ante litteram | Architetto.info

Una macelleria ante litteram

wpid-4364_macelleria.jpg
image_pdf

Se non avete mai visto una vetrina di filetti di manzo, preparatevi a ricredervi, soprattutto se siete su Queen Street in Woollahra, Sydney, Australia. In una zona residenziale della città, filari di viali alberati offrono una enclave perfetto per caffè negozi, e forse per questo appare come fra le piimprobabili delle cose, una macelleria estremamente cool. Victor Churchill la prima, e finora unica, macelleria realizzata da Vic e Anthony Puharich, padre e figlio creatori della carne di primissima qualità ed esportata in tutto il mondo con il nome Vic’s, e principali fornitori di carne per alcuni dei migliori ristoranti in Australia, Cina e Singapore.

Una macelleria – Macelleria Churchill – nata nel 1876, ragion per cui si voluta dare al negozio, o meglio alla boutique vera e propria, un’ispirazione europea che evocasse un’atmosfera raffinata ed elegante dove poter scegliere e selezionare delle vere delizie di carne. Una qualità formale insomma che corrispondesse alla qualità del prodotto venduto.

Per realizzare la loro visione, i proprietari hanno chiamato lo studio di Sydney Dreamtime Australia Design, i cui molti ristoranti, bar e resort progettati in tutto il mondo uniscono elementi tradizionali e moderni in una sintesi appropriata e sempre ben adatta alle esigenze dei diversi clienti. Dreamtime questo stato il primo progetto di dettaglio, ma troppo succosa per passare, afferma il direttore Dreamtime, Michael McCann

Ogni pezzo del negozio unico, realizzato su misura e dalle caratteristiche esclusive. Riesce a provocare, intrigare e divertire il cliente – a partire dalla facciata con le sue finestre a doppi vetri, che consiste in una vetrina refrigerata per la visualizzazione dei diversi carrelli dove appendere carni e pollame, oltre a pregiati scaffali realizzati su misura in rame, in legno e in vetro.

All’interno, il lavoro dei macellai ben visibile e suddiviso da pareti vetrate, piccoli cambi di quota del pavimento o del soffitto per evidenziare le diverse aree funzionali, mentre i tagli delle specialità di carne sono appese a degli ingranaggi che permettono il loro passaggio costante e lento, su catene di metallo. Da sfondo a tutto questo vi una parete di roccia di sale himalayano che infonde nell’ambiente un senso di pulito e sterilizza l’aria.

Victor Churchill sicuramente all’avanguardia nel ridefinire la categoria delle macellerie. E più in generale nella comunicazione del marchio e nella fidelizzazione della clientela, considerando che hanno anche realizzato un’applicazione iPhone per i loro clienti. Probabilmente questa la direzione che prenderanno anche gli altri prodotti alimentari, i ristorante e le altre categorie del commercio.{GALLERY}

Copyright © - Riproduzione riservata
Una macelleria ante litteram Architetto.info