Vetro di Murano per il Palais Lumiere di Marghera | Architetto.info

Vetro di Murano per il Palais Lumiere di Marghera

wpid-14324_palaislumieremargheracardinmurano.jpg
image_pdf

Prosegue l’iter che porterà alla realizzazione dell’opera progettata da Pierre Cardin per Marghera, il Palais Lumière: tre torri simili nella forma, e di altezze diverse, che raggiungono complessivamente quota 245 metri. Un progetto controverso, che ha fatto (e fa) molto discutere sostenitori e detrattori. Come l’architetto Paolo Portoghesi che tempo fa, dalle pagine dell’Osservatore Romano, ha espresso senza mezzi termini il proprio disappunto (leggi qui).

L’ultima novità sulle torri firmate Cardin riguarda l’accordo di collaborazione con il Consorzio Promovetro Murano, firmato ieri nelle Sale Apollinee del Gran Teatro La Fenice di Venezia. “Un accordo di grande spessore – commentano dal Consorzio -, che rilancerà le aziende muranesi e porterà l’artigianato di eccellenza all’interno del Palais Lumière, la famosa e avveniristica torre che lo stilista Pierre Cardin costruirà nell’area di Marghera”.

Il cuore dell’intesa prevede che per gli spazi pubblici e comuni, e ogni volta che venga allestito dalla Maison Cardin uno dei 1.500 appartamenti e si utilizzi vetro artistico, questo sarà esclusivamente vetro prodotto nell’isola di Murano e marchiato con il Marchio Vetro Artistico Murano.

Appartamenti e spazi comuni saranno quindi “illuminati” dal vetro di Murano – lampadari, applique, piantane, ma anche vasi, oggetti, sculture -, frutto dell’ultimo polo produttivo rimasto a Venezia.

In termini di indotto vuol dire per Murano una commessa stimata per 20-25 milioni di euro. Questo, inevitabilmente, significherà lavoro per le aziende e per gli operai, la rivitalizzazione dell’intero settore, un’iniezione di fiducia a chi vuol continuare a produrre arte, e non solo, a Murano.

Le altre iniziative previste dall’accordo vedranno il Vetro Artistico Murano protagonista attraverso la realizzazione di mostre e la collaborazione con l’Università del Design, che troverà sede all’interno del complesso architettonico.

“L’importanza di un accordo con Promovetro – ha commentato l’ingegner Rodrigo Basilicati, nipote di Pierre Cardin –sta nel fatto che Murano deve risorgere e tornare a ripristinare la sua vocazione millenaria. La chiusura di molte vetrerie a Murano è la perdita di un patrimonio per la cultura del mondo intero”.

 

Copyright © - Riproduzione riservata
Vetro di Murano per il Palais Lumiere di Marghera Architetto.info