Zebar: un bar in bianco e nero | Architetto.info

Zebar: un bar in bianco e nero

wpid-7808_home.jpg
image_pdf

Lo Zebar fu commissionato nel 2006 da un regista di Singapore e da un ex musicista della Cina meridionale. Progettato da Francesco Gatti dello Studio di Architettura 3Gatti, il bar è una successione continua di spazi ipnotici, creati dal posizionamento sulle pareti di strutture simili ad “ali” in cartongesso bianco a una distanza uguale e simmetrica per creare un effetto ipnotico che attira ogni genere di visitatore.

Il progetto, spiega l’architetto
, è “uno spazio cavo, una sorta di caverna del terzo millennio poichè formata da una sottrazione digitale booleana di centinaia di fette della stessa dimensione a partire da una massa amorfa”. E’ un prodotto dell’età dei programmi informatici di modellazione 3D, in cui le fette verticali che ne definiscono la “zebratura” sono sempre della stessa dimensione ma la loro sezione cambia lungo la lunghezza.

Lo Zebar può essere dunque considerato un “disegno digitale creato in mondo analogico“. La struttura è esternamente un volume compatto generato dall’affiancamento di due parallelepipedi sfalsati, quanto basta per creare al suo interno una dimensione complessa e “totale”. Le pareti e il soffitto sono parte di un unico gesto creato dalle “ali” in cartongesso, e il pavimento ne è la naturale continuazione.

Ogni sezione delle pareti in cartongesso è stata tagliata a mano; oltre al cartongesso, i materiali utilizzati sono solo il compensato e il cemento pigmentato nero, mantenendo il progetto a basso costo, e veloce da installare. Lo Zebar ha aperto da poco, dopo aver aspettato tre anni per il completamento della sua costruzione. Come racconta Gatti, i proprietari avevano commissionato la costruzione del bar senza un piano aziendale, così è stato necessario molto tempo dopo la progettazione dello Zebar per determinare in quale modo esattamente esso avrebbe dovuto operare. Oltre a lounge per aperitivi e drink lo Zebar infatti è un luogo di ritrovo sociale che offre anche musica dal vivo.{GALLERY}

Copyright © - Riproduzione riservata
Zebar: un bar in bianco e nero Architetto.info