Knauf and Brown: noi e gli oggetti quotidiani | Architetto.info

Knauf and Brown: noi e gli oggetti quotidiani

wpid-5336_standarda.jpg
image_pdf

L’automatismo è ormai una costante nella vita di tutti i giorni e per tutti noi. Siamo abituati a premere un pulsante per accendere luci, per entrare in connessione globale con il mondo e ormai è una cosa del tutto ovvia. Questo comporta che una serie di gesti quotidiani siano da noi compiuti in modo passivo. Qual è la nostra relazione con oggetti che “sfioriamo” ogni giorno? A mala pena li tocchiamo, non entriamo quasi in contatto con loro, non costruiamo una relazione. Perché basta un semplice tocco o un “semplice click”. Da tutte queste riflessioni nasce la serie “Standard Collection” disegnata dal brand canadese Knauf and Brown: una lampada, un tavolino (che è anche un portaoggetti) e uno specchio.

La “Standard table lamp” è una lampada senza un pulsante on/off per spegnerla o accenderla. Due lampadine di diversa intensità con un paralume in pelle sono montate su un’asta, che permette di posizionarle in una “torre” di rame. Si può scegliere il tipo di luce posizionando la lampadina nella torre e, a seconda dell’inclinazione scelta, si avrà maggiore o minore intensità, un’atmosfera più o meno intima. Qualcosa di molto diverso dal compiere un piccolo e automatico gesto di accensione o spegnimento.

Lo “Standard floor coaster” è un piccolo mobiletto, tavolino e porta oggetti insieme, che può ruotare, muoversi nello spazio e interagire con chi lo usa, prestandosi a diversi usi.

Lo “Standard vanity mirror” è un complemento che coinvolge chi lo utilizza in modo più intimo. La sua funzionalità si sdoppia: da un lato è un semplice specchio, dall’altro è un display in pelle con tasche porta oggetti adatte a raccogliere fotografie, accessori o apppunti. Come scegliere quale lato usare? Toccandolo e facendolo ruotare, insomma entrando in contatto con l’oggetto.

Copyright © - Riproduzione riservata
Knauf and Brown: noi e gli oggetti quotidiani Architetto.info