La scuola dell'infanzia del futuro | Architetto.info

La scuola dell’infanzia del futuro

wpid-4344_smallexplorershigh.jpg
image_pdf

Sono stati annunciati i vincitori dell’edizione 2013 di Instant House, il concorso promosso dal Dastu, Dipartimento di Architettura e Studi Urbani del Politecnico di Milano e Federlegno Arredo in vista di MadeExpo 2013. Un’edizione di successo, caratterizzata dal raddoppio delle iscrizioni rispetto all’anno precedente: 168 i progetti presentati, con molti giovani italiani tra gli autori ma anche 77 partecipanti stranieri da 38 paesi differenti, tra i quali Spagna, Portogallo, Russia, Indonesia, Iran, Colombia e India.

Dopo aver affrontato il tema del ‘Temporary Housing’ nel 2012, il concorso quest’anno ha focalizzato l’attenzione sulla scuola dell’infanzia, con l’obiettivo di stimolare la ricerca architettonica sulle diverse modalità di percepire e conoscere il paesaggio, l’ambiente e il territorio, da parte dei bambini, attraverso un’esperienza multisensoriale dello spazio e dell’architettura.

Il primo premio è stato assegnato a “Small explorers kindergarten” di Barbara Bencova e Alexandra Timpau. Il progetto si articola in una sequenza di spazi che interpretano la formazione del bambino entro un processo di esplorazione fra natura e artificio. Uno schema che consente di modulare lo spazio esterno in forme e proporzioni molteplici, favorendo la costituzione di spazi didattici aperti e semi aperti.

Guarda la scheda completa del progetto qui.

Al secondo posto si è classificato “Open and linked kindergarten” di Trihn Phuong Quan, un progetto che attraverso la metafora del fiore e dei petali, definisce con abilità una composizione che ritma gli spazi didattici fra volumi organici e aree aperte. Il tema consente un’abile miscelazione fra le diverse gerarchie: centralità e dispersione entro un ordine evidente.

Guarda la scheda completa del progetto qui.

Terzo classificato, la “Instant School” di Iva Markovic e Jovana Petrovic, un progetto che attraverso la ricerca geometrica, investiga aggregazione differenziata fra i volumi risolvendo con attenzione il rapporto fra spazi interni e articolazione dei vuoti.

Guarda la scheda completa del progetto qui.

I progetti vincitori e gli altri segnalati dalla Giuria, che ospiterà personaggi del calibro di Pedro Gadanho, curatore del MoMA e Joseph Grima, Direttore di Domus, verranno esposti a Made Expo 2013.

{GALLERY}

Copyright © - Riproduzione riservata
La scuola dell’infanzia del futuro Architetto.info