La stampante 3d che crea architetture di sabbia | Architetto.info

La stampante 3d che crea architetture di sabbia

wpid-4841_.jpg
image_pdf

Tra le più iconiche attività estive, la costruzione di un castello di sabbia in spiaggia può rivelarsi lo spauracchio personale di navigati ingegneri, architetti e persino designer. In tempi di robotica e alta tecnologia, non poteva mancare la “stampante 3d” in grado di ricreare vere e proprie architetture dalla terra, e quindi potenzialmente capace di costruire castelli di sabbia precisissimi sulla base dell’estro creativo del suo progettista

Stone Spray” è il risultato di un progetto di ricerca realizzato dagli architetti Anna Kulik, Inder Shergill e Petr Novikov, supervisionati da Marta Male Alemany, Jordi Portell e Miquel Lloveras dell’Institute for Advanced Architecture of Catalonia (Iaac). Il dispositivo meccanico raccoglie terra e/o sabbia dal suolo per poi spararlo da un beccuccio mescolato a del materiale legante liquido.

Quando questa mescola colpisce la superficie si solidifica, la quale, essendo digitalmente programmata dal computer, può assumere la forma desiderata direttamente dal designer. Le possibilità sono svariate, perché il robot è in grado di stampare in più direzioni, e lavorare persino sulle superfici verticali.

Realizzato come risultato di una ricerca sulle possibilità della manifattura digitale e i limiti delle macchine, Stone Spray non è solo un’idea ma un progetto effettivo, che tra l’altro – fanno sapere i suoi ideatori – consuma pochissima energia per lavorare, può essere alimentato in solare e i materiali che impiega sono eco-friendly e certificati Leed.

 

V.R.

{GALLERY}

Copyright © - Riproduzione riservata
La stampante 3d che crea architetture di sabbia Architetto.info