Le cellule della Rana Blu | Architetto.info

Le cellule della Rana Blu

wpid-4282_frog.jpg
image_pdf

L’idea è di riconvertire un enorme studio di registrazione in dining club è di Ashutosh Pathak, compositore di jingle pubblicitari. Il Blue Frog si trova a Mumbai, megalopoli indiana che sta vivendo i sintomi di uno sviluppo esplosivo.

L’esperienza acustico-musicale è alla base di tutto. Dalla registrazione dei brani live all’intrattenimento il passo è stato breve. Il Blue Frog resta un luogo per le performance live, con l’aggiunta del ristorante e del lounge bar. La corretta e ottimale diffusione del suono nell’enorme hangar ha costituito per Christopher Lee e Kapil Gupta, i progettisti, il paradigma principale del progetto. La zona dei tavoli si presenta come un palco continuo e fluttuante dal quale sono ritagliate delle cavee tondeggianti per gli ospiti. Nel suo spessore, giochi di luce in RGB.

La dimensione del “locale” consente una panoramica davvero insolita: l’occhio percepisce una sorta di brillante tessuto osservato al microscopio, che cambia livello e colore.

Lee e Gupta, forti nell’interior design di spazi dedicati al pubblico, sono assidui frequentatori di forme di grande impatto visivo, sempre fluide e dinamiche.

{GALLERY}

Copyright © - Riproduzione riservata
Le cellule della Rana Blu Architetto.info