Nautical Design Awards 2011: premiati i vincitori | Architetto.info

Nautical Design Awards 2011: premiati i vincitori

wpid-90_arcadia.jpg
image_pdf

Organizzati da Yacht & Sail e ADI(Associazione per il Disegno Industriale), i Nautical Design Awards 2011 sono stati assegnati il 20 ottobre scorso a Milano e fino al 31 ottobre i progetti premiati sono esposti nel centro di Milano.

Nella categoria Interior Design yacht a motore, il vincitore è Arcadia 85 di Arcadia Yacht per la “ricercata e raggiunta trasparenza ottenuta attraverso la tuga ampiamente vetrata”.

Montecarlo Yacht MCY 76, prodotto da Beneteau e dai designer Nuvolari & Lenard, ha sbaragliato gli avversari nella categoria Yacht a motore fino a 24 metri, “per la ricerca in ambito tecnologico e costruttivo, mirata a realizzare un prodotto di disegno industriale maturo, con attenzione al contenimento dei costi”.

Amer 116 di Permare, designer Massimo Verme, ha vinto nella categoria Yacht a motore da 24 a 40 metri: la Giuria ha apprezzato la linea accattivante e coerente sviluppata tramite la soluzione dei due ponti e mezzo.

Tra gli  Yacht a motore oltre 40 metri il primo classificato è Vitruvius Exuma di Picchiotti e del designer P. Briand, “per l’innovazione presente nell’intero progetto che ha convinto sia per l’impostazione degli esterni, molto personali, che recuperano le linee delle navi degli anni Trenta, sia nella particolare progettazione dello scafo, che è stato studiato per lunghe navigazioni”.

Nell’Interior design vela il vincitore è Thalima SW 110 RS del produttore Southern Wind e con design: firmato Nauta Yachts. La Giuria ha scelto questa imbarcazione per la qualità esecutiva e l’impeccabilità dell’impostazione classica ma al contempo attenta ad inserire tutte le interpretazioni funzionali e marine adatte ad una barca concepita per lunghe navigazioni.

Swan 60 di Nautor e con design di German Frers è stato giudicato il migliore nella categoria Yacht a vela fino a 24 metri, premiando “un’imbarcazione barca moderna, essenziale ed estremamente performante”.

Dream Wally 130 del produttore Wally Yacht e del designer Javier Soto Acebal ha vinto tra gli Yacht a vela oltre 24 metri, “per la qualità e la coerenza di interni ed esterni di questa imbarcazione”.

Nella categoria Accessori e tecnologie, l’asciugamano Sumi-Gauze & Pile di Si noj ha conquistato il primo posto per la ricerca tecnica sul materiale, che unisce tecnologia e design in un prodotto di uso quotidiano. Il tessuto è ottenuto dalla combinazione di fibre di cotone, rayon e carbonio, garantendo grande capacità di assorbimento di liquidi e odori, facilità di asciugatura e leggerezza.

Greenline Hybrid prodotto da Seaway Technologies e con design firmato J&J, ha conquistato la vetta nella categoria Yacht a basso impatto ambientale. Il basso impatto ambientale viene qui ricercato attraverso la realizzazione di una barca dalle dimensioni contenute, di peso ridotto e di potenza non elevata che permettono realmente di navigare con bassissime emissioni.

JP 54, del produttore Absolute Dreamer e con design di Jean-Pierre Dick, Guillaume Verdier, Stéphanie Marin, ha vinto nell’ultima categoria, quella dedicata alle imbarcazioni vela o motore costruite e progettate all’estero. La Giuria ha scelto questo progetto dal design complessivamente innovativo che si distingue, in particolare, per soluzione adottata negli interni dove l’intero blocco mobile cucina, carteggio e impianti, spostandosi sopravento, funge da zavorra mobile.

O.O.

{GALLERY}

Copyright © - Riproduzione riservata
Nautical Design Awards 2011: premiati i vincitori Architetto.info