Next Cabane, una struttura misteriosa in chiave contemporanea | Architetto.info

Next Cabane, una struttura misteriosa in chiave contemporanea

wpid-4271_a.jpg
image_pdf

Una struttura pieghevole in legno, una “stanza mobile”, ma soprattutto un oggetto dalle origini misteriose trovato, si narra, nell’angolo più buio di un mercatino nel nord della Scozia. L’ipotesi più accreditata è che in passato sia stata utilizzata dai pescatori per ripararsi, ma quel che è certo è che oggi ha perso del tutto la sua funzione originaria.

Fabrica ha così chiesto a sette designer di ripensare questa struttura misteriosa, proponendo un concept che ne rispetti le caratteristiche essenziali interpretandole in chiave contemporanea. I sette progetti che sono scaturiti sono attualmente in mostra al museo Mudan, in Lussemburgo, al prossimo 10 giugno.

Dal progetto di Fabrica sono nati: Rod di Amaury Poudray e Brian Wood, dove la struttura pieghevole è stata decostruita per creare nuovi oggetti ed elementi scultorei; Soft Fold di Marie Dessuant e Margaux Keller, uno spazio temporaneo che invita alla sosta; Mobile Museum di Philip Bone e Dean Brown che, come dice il nome è un museo itinerante i cui contenuti sono portati dagli stessi visitatori; Weathering The Storm di Valentina Carretta e Gustavo Millon è invece uno spazio per rilassarsi, in un paesaggio ridisegnato da una violenta tempesta.

Maze di Catarina Carreiras è un labirinto tipografico per nascondersi dal resto del mondo e Waiting Room di Kirsty Minns è un progetto che punta a far riflettere sullo scorrere del tempo, un posto per fermarsi ed apprezzare ore, minuti e secondi.

Infine, il settimo progetto è Net Cabane di Giorgia Zanellato, ispirata dalla leggerezza e trasportabilità della struttura in legno. Le corde, che fanno riferimento alle origini presunte dell’oggetto, creano uno spazio con diverse proposte e possibilità di spazi e usi.

O.O.

{GALLERY}

Copyright © - Riproduzione riservata
Next Cabane, una struttura misteriosa in chiave contemporanea Architetto.info