Impianti fotovoltaici su tetti in area vincolata: interviene il Mibact | Architetto.info

Impianti fotovoltaici su tetti in area vincolata: interviene il Mibact

Per i piccoli impianti fotovoltaici su tetti di edifici in aree vincolate è sempre richiesta l’autorizzazione paesaggistica

fotovoltaico_tetto
image_pdf

Il Mibact “corregge” il D.M. 19 maggio 2015 e distingue tra interventi sottoposti a procedure ordinarie e semplificate. Impianti liberi da autorizzazione solo se non visibili dall’esterno.

Il Parere del Ministero dei beni e delle attività culturali e del Turismo (Mibact) n. 7716 del 15 marzo 2016 interviene sul Decreto del Ministero dello Sviluppo economico (Mise) del 19 maggio 2015, che approva il modello unico per la realizzazione, la connessione e l’esercizio di piccoli impianti fotovoltaici integrati sui tetti degli edifici (art. 7-bis, D.Lgs. n. 28/2011), chiedendone la correzione nel senso di chiarire che per l’installazione di impianti solari termici o fotovoltaici sotto i 20 kW, aderenti o integrati nei tetti di edifici in aree vincolate, è sempre richiesta l’autorizzazione paesaggistica, ordinaria o semplificata secondo i casi.

Il parere risponde a due quesiti rivolti al Mibact dalla Regione Lombardia e dalla Soprintendenza Belle arti e paesaggio di Alessandria (in riferimento alla sentenza n. 1946/2014 del Tar Piemonte) per la corretta interpretazione delle norme per l’installazione di impianti solari fotovoltaici su immobili ricadenti in aree tutelate paesaggisticamente; in particolare l’art. 4, comma 3 del D.M. 19 maggio 2015, secondo cui l’installazione dei piccoli impianti fotovoltaici non è subordinata all’acquisizione di atti amministrativi di assenso, comunque denominati, compresa l’autorizzazione paesaggistica, se non per quelli insistenti su ville, giardini e parchi non tutelati ma di non comune bellezza e complessi immobiliari di valore estetico e tradizionale, inclusi i centri storici (art. 136 comma 1, lettere b) e c) D.Lgs. n. 42/2004 Codice dei beni culturali e del paesaggio).

Secondo il Mibact, la procedura autorizzatoria semplificata per l’installazione di pannelli solari, termici e fotovoltaici fino ad una superficie di 25 mq vale solo per l’aspetto edilizio, non per quello paesaggistico, come si evince da:
art. 11, comma 3, D.Lgs. n. 115/2008 (procedimento semplificato di autorizzazione paesaggistica per gli interventi di lieve entità): l’installazione di impianti solari la cui superficie non sia superiore a quella del tetto stesso è considerata, solo per il lato edilizio, intervento di manutenzione ordinaria non soggetto alla disciplina della denuncia di inizio attività;
art. 6, comma 2, lettera d), D.P.R. n. 380/2001 (Tu dell’edilizia): sono liberi da autorizzazioni ai soli fini edilizi gli impianti di pannelli solari e fotovoltaici, a servizio degli edifici, da realizzare al di fuori delle zone territoriali omogenee ‘A’ (centri storici).

In conclusione, l’installazione di piccoli impianti solari fotovoltaici è soggetta a:
1) autorizzazione paesaggistica semplificata quando insiste su:
• aree o su immobili sottoposti a vincolo di legge (art. 142, D.Lgs. n. 42/2004),
• cose immobili che hanno cospicui caratteri di bellezza naturale, singolarità geologica o memoria storica, ivi compresi gli alberi monumentali;
bellezze panoramiche e così pure quei punti di vista o di belvedere, accessibili al pubblico, dai quali si goda lo spettacolo di quelle bellezze (art. 136, lettere a) e d), D.Lgs. n. 42/2004);

2) autorizzazione paesaggistica ordinaria (art. 146, D.Lgs. n. 42/2004) quando insiste su:
ville, i giardini e i parchi non tutelati che si distinguono per la loro non comune bellezza;
• complessi di cose immobili che compongono un caratteristico aspetto avente valore estetico e tradizionale, inclusi i centri ed i nuclei storici (lettere b) e c), art. 136, D.Lgs. n. 42/2004).

Il Mibact sta predisponendo un Regolamento degli interventi sottoposti ad autorizzazione paesaggistica o a procedura autorizzatoria semplificata, secondo cui l’installazione di pannelli solari sarà completamente libera, dal punto di vista paesaggistico, solo nel caso in cui gli impianti sul tetto o sul lastrico solare non siano visibili dall’esterno.

Copyright © - Riproduzione riservata
L'autore
Impianti fotovoltaici su tetti in area vincolata: interviene il Mibact Architetto.info