Orso, giocattolo o feticcio? | Architetto.info

Orso, giocattolo o feticcio?

wpid-4440_nuovadcbdo.jpg
image_pdf

La Medicom Toy è un’ icona della cultura del giocattolo in Giappone ed è famosa per i suoi personaggi dai dettagli curatissimi. Dieci anni fa, ha messo a segno un colpo decisamente fortunato dando vita a [email protected]: un orso antropomorfizzato.

Ma non ha fatto solo questo perché l’azienda giapponese è riuscita a trasformare poi questo giocattolo in un vero e proprio feticcio, coinvolgendo designer, artisti e stilisti di tutto il mondo i quali si sono cimentati nel trasformare o meglio nel creare il proprio [email protected]

Accanto all’originale 100%, alto sette centimetri, sono stati poi introdotti sul mercato altri toys dalle differenti dimensioni: il 50% alto 4cm, il 70% alto 5 cm, il 400% alto 28 cm e il 1000% alto 70 cm. Tirature limitate, [email protected] d’arte confezionati singolarmente oppure in set di 5-6 pezzi differenti, in ogni caso toys gioiello che hanno conquistato i collezionisti in tutto il mondo.

Futura, Push Head, Kaws o Mark Parker, tra gli artisti underground, ma anche Karl Lagerfeld, Vivienne Westwood e l’elenco sarebbe davvero troppo lungo e sicuramente impossibile da riportare in toto.

Un manufatto poco costoso trasformato in feticcio che arriva a costare svariate migliaia di dollari. Una trovata commerciale geniale dedicata a un pubblico adulto, attento, amante del design. Una collezione potenzialmente illimitata che sforna stagionalmente la sua creatura dalla “pelle nuova”. E per chi invece volesse dare dimostrazione anche della propria creatività? C’è anche la versione neutra: il [email protected] bianco e colorabile.

Attenzione: provoca dipendenza.

{GALLERY}

Copyright © - Riproduzione riservata
Orso, giocattolo o feticcio? Architetto.info