Più globale di così… | Architetto.info

Più globale di così…

wpid-4292_home.jpg
image_pdf

Nonostante riproduca il nostro pianeta, la lettura che ne facciamo è sempre, inesorabilmente bidimensionale.

Grazie alla sua capacità di penetrare al centro delle “cose” che ci circondano, Giulio Iacchetti sottopone il mappamondo a un ripensamento e ci spiega il senso della sua proposta: «Odnom nasce dalla lettura specchiata della parola “mondo”: una riflessione per porre attenzione al Sud del mondo, sottomesso e poco visibile nei mappamondi tradizionali. Rifiutando le convenzioni geografiche, dove visivamente il Nord sovrasta il Sud, il mappamondo Odnom ridà equità visiva e giusto rilievo alle zone più nascoste della Terra. La base del globo è sostituita da uno specchio inclinato, i termini geografici dell’emisfero Sud sono scritti al contrario, così da essere perfettamente leggibili una volta riflessi dallo specchio. Da una riflessione generata dallo specchio a una riflessione sullo stato del mondo, il passo è breve…».

{GALLERY}

Copyright © - Riproduzione riservata
Più globale di così… Architetto.info