Affidamento di incarichi sino a 100.000 Euro nel settore dei lavori pubblici | Architetto.info

Affidamento di incarichi sino a 100.000 Euro nel settore dei lavori pubblici

wpid-conveuroforum.jpg
image_pdf

Affidamento di incarichi sino a 100.000 Euro nel settore dei lavori pubblici
Torino – 16 maggio 2006

Nell’ambito del Forum Italiano della Progettazione a Torino il prossimo  16 maggio 2006 alle  ore 10:30 all’ Gallia Hotel  Via Torino 29/a Pianezza (TO) si terrà il convegno  

l regime di affidamento degli incarichi professionali sottosoglia nelle opere pubbliche
Il quadro legislativo vigente e le previsioni per il futuro

Il 12 aprile u.s. il capo dello Stato, Carlo Azeglio Ciampi, ha apposto la sua firma sul nuovo Codice degli appalti. Si tratta di un decreto legislativo di attuazione della direttiva 2004/18/CE. Per la qualità architettonica l’effetto potrebbe essere devastante: le stazioni appaltanti potranno mettere a base d’asta sia il progetto definitivo, sia quello esecutivo affidandoli entrambi all’impresa esecutrice. Il tutto senza alcun limite d’importo lavori o di tipologia.
Il Codice rivede così uno dei pilastri della Legge 109/1994 sui lavori pubblici voluta dopo tangentopoli: la separazione tra progettazione ed esecuzione dei lavori, la prima spettante ai liberi professionisti o ai professionisti degli uffici tecnici pubblici e la seconda alle imprese.

In attesa che il nuovo Governo avalli il lavoro di quello uscente (e nella speranza che non lo faccia), pubblicandone il testo sulla Gazzetta Ufficiale, osserviamo i principali contenuti inerenti l’affidamento degli incarichi:
– tra le modifiche dell’ultima ora è stato ristabilito il limite di 100.000 euro per l’affidamento senza gara d’appalto di servizi, facendo un passo avanti in direzione di valori positivi come la concorrenza e la trasparenza, come richiesto dalla U.E. Infatti gli artt. 91 e 57 comma 6 dispongono una gara semplificata con l’invito a presentare offerta almeno cinque progettisti scelti dalla stazione appaltante con criteri generici e con uno preciso: quello di rotazione. Sarebbe opportuno che tali criteri fossero integrati e coerenti con quelli stabiliti dall’Autorità per la vigilanza sui lavori pubblici con la determinazione n. 1 del 19 gennaio 2006;

  • –         il risvolto della medaglia è che il Codice elimina la fascia da 100.000 a 211.000 euro, facendo in modo che le gare per gli incarichi oltre 100.000 euro abbiano le stesse regole degli incarichi sopra soglia europea. Tali regole faranno sì che un professionista singolo non potrà mai partecipare ad alcuna gara: infatti per essere ammessi sarà necessario disporre di un fatturato (ultimi 5 anni) il cui importo globale sia da 3 a 6 volte l’importo a base di gara, nonché un numero medio di personale tecnico utilizzato (ultimi 3 anni) tra 2 e 3 volte le unità stimate nel bando di gara. Il fatto che, per l’ammissione alle gare possano essere considerati solo i lavori fatturati negli ultimi 5 o 10 anni, esclude non solo i giovani, ma anche i professionisti che hanno subito un rallentamento della loro attività. Inoltre, il meccanismo dell’affinità degli incarichi già svolti rispetto a quello da progettare, riduce ulteriormente le possibilità di partecipazione. In taluni casi potrà succedere (come già avviene) che vi siano pochissimi professionisti o gruppi che possiedano i requisiti di ammissione alla gara: casi nei quali non si potrà non dubitare che la severità dei criteri definiti sia stata pilotata proprio per restringere il campo della concorrenza.
    Nel nostro incontro sarà esaminato il vigente regime di affidamento degli incarichi sottosoglia (legge Merloni e Regolamento di attuazione), il recente parere dettato dall’Autorità per la vigilanza sui lavori pubblici (determinazione n. 1 del 19 gennaio 2006) e la prassi con cui le stazioni appaltanti normalmente affidano tali incarichi. Saranno inoltre affrontati ragionamenti sul ruolo dei concorsi d’idee e di progettazione nell’affidamento degli incarichi e verranno discussi temi tra cui il carattere fiduciario dell’affidamento e il rispetto della concorrenza e trasparenza.
  • –         Relatore: Arch. Enrico Bertoletti – Pro Engineering – Torino
    [email protected]

Per ulteriori informazioni e aggiornamenti: http://www.forum-progettazione.it

 

Copyright © - Riproduzione riservata
Affidamento di incarichi sino a 100.000 Euro nel settore dei lavori pubblici Architetto.info