IN/ARCH Concorsi?Non basta più Un sistema di garanzie nella pratica progettuale | Architetto.info

IN/ARCH Concorsi?Non basta più Un sistema di garanzie nella pratica progettuale

image_pdf

IN/ARCH Concorsi? Non basta più
Un sistema di garanzie nella pratica progettuale

ROMA il 27 GENNAIO
alle ore 18.00 presso
Jolly Hotel Leonardo Da Vinci
a Via dei Gracchi 324

Fino a 10 anni fa i ricorsi contro i risultati di concorsi di progettazione erano molto pochi.
Con la legge Merloni il numero dei ricorsi, oramai, supera quello delle gare e dei concorsi. Le stesse procedure di ammissione conducono a battaglie (legali) fra i concorrenti, generano ricorsi, riserve, firme, autocertificazioni, autentiche, fideiussioni.
Solo per essere ammessi a partecipare ad un concorso o ad una gara, occorre dichiarare fatturati, esperienze precedenti distinte per “tipologia” numero dei dipendenti, presenza di un laureato da meno di 5 anni…
Un coacervo di dati che avvilisce tutti ed ostacola i più giovani.

A Napoli per il concorso per il Parco di Bagnoli nessun concorrente è stato capace di rientrare nella griglia delle regole.
Sempre a Napoli, la giuria del concorso per la progettazione di  “un punto di ristoro” nel Museo di Capodimonte ha ritenuto che nessun concorrente fosse capace di proporre una soluzione accettabile.
Lo stesso è successo l’anno scorso per il water-front di Formia .
A Firenze, un concorso fra pochi esponenti dello star-system internazionale non è riuscito a generare una piccola pensilina per il Museo degli Uffizi.

Si moltiplica il numero delle gare per l’assegnazione di incarichi mai giudicate o mal giudicate.
Questo caos impone sostanziali riforme, non protezionismi corporativi: è interesse della collettività evitare sprechi di risorse e di tempo, perseguire qualità elevando i requisiti e rispettando le regole.

Su questi temi l’IN/ARCH promuove  un confronto di idee per venerdì 27 gennaio alle ore 18.00 a Roma presso il Jolly Hotel Leonardo Da Vinci (via dei gracchi 324).

L’obiettivo dell’incontro è di pervenire ad un efficace sistema di garanzie nella pratica progettuale.
Non limitarsi a denunciare, quindi, ma lanciare proposte concrete per rendere gare e concorsi di progettazione  agili, veloci, ben programmati e ben valutati, non onerosi per chi vi partecipa; strumenti e premesse per un ambiente migliore.
Proposte che l’IN/ARCH chiederà di inserire nei programmi del prossimo governo del Paese.

Introduce: Francesco Orofino -IN/ARCH

Intervengono al dibattito:

Marcello Arredi -Commissario Straordinario Grandi Opere Min. Infrastrutture e Trasporti;
Alberto Dusma -CNI ;
Giancarlo Goretti -ANCE ;
Amedeo Lepore -Assessore Edilizia Comune di Napoli;
Vittorio Mosco -Vice Presidente OICE;
Lucio Passarelli -IN /ARCH;
Raffaele Sirica -Presidente CNAPPC

modera : Luigi Prestinenza Puglisi
conclude: Massimo Pica Ciamarra -Vice Presidente IN/ARCH

Copyright © - Riproduzione riservata
IN/ARCH Concorsi?Non basta più Un sistema di garanzie nella pratica progettuale Architetto.info