La polizza assicurativa per architetti: convenzioni Inarcassa e costi | Architetto.info

La polizza assicurativa per architetti: convenzioni Inarcassa e costi

Per il 2016 – 2018 Inarcassa presenta la nuova partnership con Lolyd’s, ottenendo premi assicurativi scontati e due nuove garanzie alla polizza per perdita del reddito e problemi legati a cybercrime

polizza_architetti
image_pdf

Gli appartenenti all’ordine degli Architetti dotati di Partita Iva, così come gli Studi Associati e le Società, come è noto, devono sottoscrivere un’assicurazione professionale che li tuteli nello svolgimento della propria attività e allo stesso tempo offra garanzie ai loro clienti.

E’ molto importante poter proteggere il proprio operato da possibili cause legali e danni importanti che intaccherebbero l’immagine dello studio e non di meno le finanze. A decretarlo sono il DL 138/2011 e il Dpr 137/2012 entrati in vigore il 15 agosto 2013.

L’architetto è tenuto per legge ad informare il cliente dei dettagli legati alla polizza assicurativa professionale ovvero estremi e massimali. I professionisti obbligati alla stipula sono quelli che appongono la firma su di un progetto e quindi rispondono direttamente dal punto di vista legale in caso di inadempienza, imprudenza o negligenza professionale.

Convenzioni e possibilità delle Agenzie Assicurative

Per il triennio 2016 – 2018 Inarcassa ha reso noto che è stato il colosso assicurativo londinese Lloyd’s ad aggiudicarsi la convenzione per la copertura dell’assicurazione professionale e tutela legale per gli architetti. Grazie a questa nuova partnership a livello europeo si sono ottenuti premi assicurativi scontati ai quali vengono aggiunte due nuove garanzie alla polizza ovvero la perdita del reddito e i problemi derivanti da cybercrime, errori o omissioni.

Non solo Lloyd’s, ma numerose altre agenzie assicurative mettono a disposizione degli architetti polizze dedicate al settore professionale. Attraverso i crescenti siti di comparazione delle varie offerte assicurative procurarsi un preventivo su misura è molto semplice e veloce: è sufficiente inserire tutti i dati richiesti e si otterranno i costi previsti per ogni compagnia con cui è possibile stipulare questa tipologia di polizza. La scelta del libero mercato permette ad ogni professionista di creare una polizza su misura che soddisfi tutte le sue esigenze.

Va detto che per la maggiore, tra le assicurazioni professionali per gli architetti, vanno quelle All Risk che includono tutto quello che non è esplicitamente escluso dal contratto e può avere valore anche retroattivo. In questo modo l’architetto è maggiormente tutelato e può affrontare con la giusta serenità le possibili problematiche che intercorrono nel corso dello svolgimento dell’attività professionale.

Chi non rispetta quest’obbligo di legge va incontro a sanzioni che possono variare sensibilmente in termini di tipologia e di importi in quanto in Italia non c’è un sistema unificato in questo senso, ma dipende dall’Ordine professionale a cui si appartiene.

Costi delle assicurazioni professionali per architetti

Il costo di un’assicurazione di responsabilità civile professionale per gli architetti può variare molto a seconda del contratto, delle clausole inclusive, dai massimali e degli accordi presenti tra agenzie e ordini professionali. Per esempio con l’inglese Lloyd’s i premi partono da circa 200 euro, ma possono costare anche di più in base alle opzioni prescelte, sui 400 – 500 euro, ma anche 1000 euro. Per i professionisti più giovani esistono speciali polizze dedicate che consentano loro di essere in regola con la normativa vigente senza che quest’obbligo abbia un peso troppo importante sul bilancio dell’attività professionale.

Copyright © - Riproduzione riservata
La polizza assicurativa per architetti: convenzioni Inarcassa e costi Architetto.info