L'architettura è “pensiero” sul mondo | Architetto.info

L’architettura è “pensiero” sul mondo

image_pdf

Facoltà di Architettura di Alghero
L’architettura è “pensiero” sul mondo
Conferenza con Alessandro Amselmi
Alghero, 19 febbraio 2008

Tra i grandi appuntamenti organizzati dalla Facoltà di Architettura di Alghero, quello del 19 febbraio p.v. vedrà ospite Alessandro Anselmi, con la conferenza dal titolo L’architettura è “pensiero” sul mondo. Solo che l’architettura “pensa disegnando” e disegnando trasforma il mondo.

Alessandro Anselmi, architetto, è stato uno dei fondatori del GRAU (Gruppo Romano Architetti Urbanisti). Oltre all’intensa attività di progettista, si è sempre impegnato nella didattica e nella ricerca teorica: docente di Composizione Architettonica presso la Facoltà di Architettura della Terza Università di Roma, è stato più volte “visiting professor” in varie scuole d’architettura francesi e svizzere tra cui l’Ecole Special d’Architecture e l’U.P.8 dell’Ecole National Superieur d’Architecture a Parigi e la Facoltà di Architettura del Politecnico di Losanna. Il suo lavoro è stato documentato in numerose mostre e nelle più importanti pubblicazioni specialistiche. È Accademico Nazionale dell’Accademia di San Luca. Nel 1999 ha ricevuto il Premio del Presidente della Repubblica per l’Architettura.

La conferenza del 19 febbraio 2008 avrà inizio alle ore 18.00 presso la Sala Conferenze del Chiostro di San Francesco, in via Machin (slargo di via Carlo Alberto), Alghero.

Alessandro Anselmi (Roma 1934), nel 1962 è uno dei membri fondatori del GRAU (Gruppo Romano Architetti Urbanisti) con il quale inizia, in quegli anni, la battaglia per il rinnovamento della disciplina contro gli esiti, ormai accademici, dell’architettura tardo-moderna.
Frutto della ripresa di un dialogo con la Storia sono i suoi progetti per il Concorso del nuovo Palazzo dello Sport di Firenze (1964) e del Cimitero di Parabita (1967). Nel 1972 partecipa al Concorso per il nuovo Archivio di Stato di Firenze, per il quale riceve un premio speciale della giuria.
Nel 1977 progetta il Mercato dei Fiori di Sanremo, caratterizzato da una particolare attenzione alla dialettica tra architettura e luogo, uno dei temi dominanti della sua architettura. Del decennio successivo sono i progetti per Santa Severina, tra cui la piazza, il mattatoio e l’asilo nido. In seguito la ricerca evolve verso un rinnovato interesse per i caratteri moderni dell’immagine, testimoniato dai progetti per il concorso della Casa della Cultura a Chambery-le-Haut e da quello per le abitazioni temporanee nel quartiere Testaccio a Roma (1984).
Storia, contesto e immagine contemporanea caratterizzano la produzione più recente con i progetti per il municipio di Rezé-les-Nantes, la Facoltà di Giurisprudenza dell’Università di Reggio Calabria, il Terminal della nuova metropolitana di Rouen a Sotteville-les-Rouen e il Nuovo Municipio di Fiumicino (Roma). La ricerca di Anselmi, da cui non si può prescindere nel discorso sull’architettura italiana degli ultimi anni, è testimonianza di un percorso che va dall’antesignano “rapporto con la storia” degli anni sessanta all’indagine matura sui primordi del “moderno” di oggi. A partire dal 1965 i suoi progetti sono stati esposti in numerose rassegne nazionali e internazionali: fra le altre si ricordano le mostre personali a New York (1986), Parigi (1988), Caracas (1990), Ciudad Guayana (1990), Helsinki (1990), Roma (MAXXI, 2004). Accademico Nazionale dell’Accademia di San Luca, nel 1999 ha ricevuto il Premio Presidente della Repubblica per l’Architettura.

La partecipazione è libera.

Per altre informazioni, consultare i seguenti siti:
http://www.architettura.uniss.it
http://www.darc.beniculturali.it

Scarica la locandina

Copyright © - Riproduzione riservata
L’architettura è “pensiero” sul mondo Architetto.info