Legge di Bilancio 2017: i contenuti principali | Architetto.info

Legge di Bilancio 2017: i contenuti principali

Dagli adeguamenti sismici alla riqualificazione energetica, dall'anticipo pensionistico ai bonus per il pubblico impiego: ecco le principali misure della Legge di Bilancio 2017, votata dal Senato lo scorso 7 dicembre

Bilancio_2017
image_pdf

Dagli adeguamenti sismici alla riqualificazione energetica, ecco le principali misure della Legge di Bilancio 2017
Con il voto del Senato dello scorso 7 dicembre (166 voti favorevoli, 70 contrari e un astenuto) è stata approvata definitivamente la legge di bilancio per il 2017 (“Bilancio di previsione dello Stato per l’anno finanziario 2017 e bilancio pluriennale per il triennio 2017-2019″). Lo schema generale della legge prevede una serie di interventi che mira alla riduzione delle tasse e all’aumento delle spese per investimenti.

Nel complesso la manovra contiene misure espansive pari a 27,03 miliardi netti nel 2017 (a livello di indebitamento netto) di cui 16,515 miliardi di minori entrate e 10,524 miliardi di maggiori spese. Tra le misure espansive vanno ricordati gli sgravi fiscali sulle ristrutturazioni edilizie, sugli adeguamenti energetici, sugli adeguamenti alle norme antisismiche. Inoltre, la legge prevede risorse per l’incremento degli investimenti pubblici, destinate alla realizzazione di infrastrutture e messa in sicurezza del territorio; il sostegno agli investimenti privati con particolare riguardo alle piccole e medie imprese e alle start up innovative; interventi per attrarre gli investimenti dall’estero, incentivi alla produttività, interventi per far fronte all’emergenza sismica.

In campo fiscale, oltre alla cancellazione delle norme che disponevano aumenti di Iva e accise per oltre 15 miliardi, nel 2017 scatterà la riduzione dell’aliquota Ires (imposta sul reddito delle società) dal 27,5% al 24%, legiferata con la legge di stabilità 2016.
Vediamo ora le principali misure, con un occhio di riguardo per il mondo dei professionisti.

ADEGUAMENTI SISMICI
Prevista la detrazione del 50% per le spese sostenute per interventi antisismici su edifici localizzati nelle zone ad elevata pericolosità per il periodo compreso tra il 1° gennaio 2017 e il 31 dicembre 2021 e per un importo complessivo pari a 96.000 euro per ogni anno. L’agevolazione si applica sugli immobili adibiti ad abitazione e ad attività produttive ed è ripartita in 5 rate annuali di pari importo; può essere elevata fino all’80% se gli interventi realizzino un miglioramento della classe di rischio sismico. Nel caso di interventi antisismici sulle parti comuni degli edifici la detrazione viene elevata fino all’85%, a seconda del miglioramento della classe di rischio.

RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA
Chi predisporrà nel 2017 degli interventi di riqualificazione energetica sarà riconosciuta la detrazione fiscale del 65% da suddividere in 10 rate annuali. Inoltre si dispone la proroga al 31 dicembre 2021 della detrazione per interventi di efficienza energetica realizzati nelle parti comuni degli edifici condominiali. In questo caso il bonus fiscale può raggiungere anche il 75% qualora gli interventi siano di ampia portata e consentano di migliorare la prestazione energetica invernale ed estiva. La detrazione si applica su un ammontare complessivo di spesa non superiore a 40.000 euro moltiplicato per il numero di unità immobiliari che compongono l’edificio.

RISTRUTTURAZIONE IMMOBILI
La detrazione Irpef del 50% da scontare in 10 quote annuali nella dichiarazione dei redditi viene prorogata alle spese per le ristrutturazioni edilizie sostenute nell’anno 2017 (fino a 96.000 euro per unità immobiliare). Viene prorogata anche la detrazione fiscale del 50% sull’acquisto dei mobili e dei grandi elettrodomestici di classe energetica elevata, riconosciuta su spese sostenute nel 2017 fino a 10.000 euro, destinati all’arredo degli immobili oggetto di ristrutturazione.

SOSTEGNO ALLE PMI
Il provvedimento proroga la cosiddetta ‘Nuova Sabatini’ che prevede finanziamenti per impianti e beni strumentali. Ad oggi l’ammontare e i finanziamenti concessi da banche e assicurazioni in base alla nuova Sabatini è di circa 3,2 miliardi. Tra le misure a favore delle PMI vi è anche il rifinanziamento per 900 milioni per il 2017 del Fondo di garanzia. Sono anche previste, a decorrere dal 2017, maggiori agevolazioni all’investimento in start-up e PMI innovative e a vocazione sociale.

RIENTRO “CERVELLI IN FUGA”
La manovra rende permanente l’agevolazione fiscale per favorire il rientro in Italia di docenti universitari e ricercatori residenti all’estero. Con l’agevolazione i redditi percepiti sono tassati per il 10% del totale, mentre il restante 90% è esente. Lo sconto fiscale spetta per l’anno d’imposta in cui il ricercatore diviene residente più i successivi 3. A partire dal 2017, inoltre, i lavoratori ad alta specializzazione o manager che trasferiscono la residenza in Italia e si impegnano a rimanervi, non verseranno le imposte sul 50% del reddito prodotto nel nostro Paese.

APE
A decorrere dal primo maggio 2017, in via sperimentale fino a 31 dicembre 2018, è istituito l’anticipo pensionistico (APE), che consente di lasciare il lavoro anticipatamente ai soggetti con almeno 63 anni di età e 20 anni di contributi e che maturano il diritto alla pensione di vecchiaia entro 3 anni e 7 mesi.

PARTITE IVA
Dal 2017 l’aliquota contributiva pensionistica per i lavoratori autonomi titolari di partita Iva e iscritti alla gestione separata (e che non siano iscritti ad altre gestioni di previdenza obbligatoria) scende al 25%.

PUBBLICO IMPIEGO
Per il settore sono stanziati complessivi 1,9 miliardi per il 2017 e 2,6 miliardi per il 2018. Le risorse sono destinate ai rinnovi contrattuali e ai miglioramenti economici dei dipendenti delle amministrazioni statali, alle assunzioni di personale a tempo indeterminato nella amministrazioni dello Stato, compresi corpi di polizia, Vigili del fuoco, agenzie fiscali. Viene anche prorogato al 2017 il bonus di 80 euro al personale non dirigenziale dei corpi di polizia, vigili del fuoco e forze armate per le attività legate alle accresciute esigenze di sicurezza.

Leggi anche: Guida ai crediti formativi professionali (CFP) per gli architetti: regole e sanzioni

Copyright © - Riproduzione riservata
L'autore
Legge di Bilancio 2017: i contenuti principali Architetto.info