Master di architettura digitale "Il racconto dello spazio. | Architetto.info

Master di architettura digitale “Il racconto dello spazio.

image_pdf

L’Istituto Nazionale di Architettura- IN/ARCH

Con il Patrocinio di:

A N A C – Associazione Nazionale Autori Cinematografici
Cinecittà Holding
C N A P P C – Consiglio Nazionale Architetti, Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori
Ministero per i Beni e le Attività Culturali
Dipartimento per Lo Spettacolo E Lo Sport
Direzione Generale Per Il Cinema

INDICE IL

Master di architettura digitale
Il racconto dello spazio. L’architettura tra cinema e video
Roma – Istituto Nazionale di Architettura-IN/ARCH in via Crescenzio, 16
Dal 16 maggio a ottobre 2005

Descrizione ed obiettivi formativi
A partire dalle competenze culturali dell’architetto, il master si articola intorno al tema del racconto dello spazio utilizzato come chiave per introdurre gli studenti al mondo del cinema, nei suoi aspetti generali, e al mondo del video affrontato specificatamente dal punto di vista del video di architettura. Se la diffusione di software nati in ambito cinematografico ha in questi anni fortemente stimolato l’immaginazione e la produzione architettonica nonché le sue tecniche di comunicazione, il master si propone di approfondire una convergenza antica – quella tra cinema e architettura – ma certamente rafforzata dalla rivoluzione digitale, per offrire agli studenti competenze teoriche e pratiche spendibili tanto nel mercato cinematografico quanto in quello architettonico.
Strutturato in due sezioni operative, una sul cinema ed una sul video, ed una sezione teorico critica di raccordo, il master si propone di:

– fornire agli architetti una panoramica sulle fasi principali della concezione e produzione del cinema – dalla sceneggiatura, alla regia, montaggio, fotografia, scenografia e visual effects – mettendo direttamente a contatto gli studenti con esperti delle varie discipline e fornendo l’accesso ad un successivo stage specializzante presso strutture operanti nel mondo della produzione cinematografica;

– formare architetti capaci di utilizzare il video come strumento di elaborazione, verifica e comunicazione del progetto di architettura, accompagnando gli studenti da un livello di conoscenza di base dei software per il disegno, la modellazione e l’animazione sino ad un loro utilizzo avanzato e critico.

Il master si fonda sulla convinzione che questo duplice sguardo su mondi certamente diversi, ma anche fortemente intrecciati, possa notevolmente arricchire la pratica di entrambi.


Tema
La narrazione dello spazio, tanto di una scena reale quanto di una scena virtuale, è in sé un problema complesso, per il quale sono essenziali conoscenze molteplici che vanno da quelle tecniche relative agli strumenti di ripresa, fotografia, illuminotecnica, a conoscenze teoriche che spaziano dall’estetica alla teoria della percezione. In questo senso il master, piuttosto che mirare ad una formazione specifica in uno di questi ambiti, si propone di fornire gli strumenti complessivi per un avvicinamento tanto al mondo del cinema quanto a quello del video di architettura, offrendo agli studenti l’opportunità di individuare un proprio campo di interesse specifico nell’ambito della scenografia piuttosto che della regia o realizzazione di effetti speciali.


Stage
Al termine dell’attività didattica ad ogni corsista sarà assegnato, sulla base delle valutazioni conseguite, un periodo di stage della durata di tre/sei mesi presso strutture qualificate .


Requisiti di ammissione
L’accesso al Master è riservato a persone in possesso di Laurea in Architettura o diplomi equivalenti. Possono essere presi in considerazione anche studenti laureandi o titoli e lauree di diverso tipo e/o indirizzo purché venga mostrato un particolare interesse culturale-professionale in merito alle materie trattate. Il Master si attiva con un minimo di 14 corsisti. Qualora tale numero non sarà raggiunto, il master si avvierà nella stessa articolazione e modalità il 26 settembre 2005. L’Istituto, nel rispetto del numero di ore complessive indicate, si riserva il diritto di modificare a sua discrezione l’articolazione del programma, l’elenco nominativo dei docenti nonché le sedi delle attività didattiche.

È ancora disponibile un numero limitato dei posti

Clicca qui per procedere con l’iscrizione al Master



Sede ed organizzazione
Le attività didattiche iniziano il 16 maggio 2005 per concludersi entro il mese di ottobre 2005. Ogni settimana si tengono 16 ore di lezione distribuite tra lunedì e martedì – 8 ore al giorno, orario 9.30/13.30 14.30/18.30. Il progetto formativo prevede un totale di 1200 ore, di cui 350 ore di didattica frontale ed il resto di esercitazioni pratiche di laboratorio e attività di apprendimento. Tutte le lezioni hanno luogo presso le sede dell’Istituto Nazionale di Architettura-IN/ARCH in via Crescenzio 16, Roma; il luogo e l’orario dei Seminari sarà comunicato di volta in volta. Ogni studente ha a disposizione un PC di esclusivo utilizzo; nei limiti delle disponibilità dell’aula potrà usufruirne, per le esercitazioni, anche al di fuori dell’orario di lezione.


Contenuti ed articolazione didattica
Il Master è strutturato in 3 moduli didattici – articolati in lezioni teoriche ed esercitazioni pratiche – , 1 laboratorio applicativo e seminari di approfondimento.
I software oggetto di docenza saranno: Photoshop, 3D Studio MAX, After Effects, Premiere, AutoCAD, Combustion, Match Mover, Adobe Audition; Fruity Loops Studio 5.


Moduli didattici
1. Il Cinema
La regia (Rapporti spaziali e regia rispetto alla figura in movimento. Esempi dell’organizzazione dello spazio rispetto alla macchina da presa. Soluzioni spaziali e tessuto urbano. Illusione e ricostruzione di mondi immaginari) – Docente: Stephen Natanson (14 ore)

La fotografia e il montaggio (Fotografia cinematografica. Illuminotecnica. Laboratori di sviluppo e stampa. Macchine da presa e lo spazio. Pellicola, digitale, tv. Macchinisti ed elettricisti costruzioni ed applicazioni per le riprese. Dalla moviola all’Avid. Tecniche del montaggio. Premiere.
Docente: Stephen Natanson (42 ore)

La sceneggiatura (L’idea di script: le varie fasi del lavoro scritto di un racconto per immagini – idea, soggetto, trattamento, vari draft di sceneggiatura, découpage, storyboard -; lo sviluppo dell’idea e i codici narrativi – l’idea di base e la forma, fiction, spot, clip -. Trattamento e sviluppo. Sceneggiatura. Découpage e Storyboard. Lo shooting-script).
Docente: Serafino Murri (18 ore)

La scenografia (Lo spazio pensato: città finzione; città ideali; città reali; città mentali. Lo spazio scenico costruito: dalla location al set; studi virtuali; studi televisivi; studi cinematografici; set pubblicitari).
Docente: Marta Zani (30 ore)

La scenografia digitale (Terminologia tecnica del settore, la figura del nuovo scenografo e della nuova comunicazione scenografica, effetti visivi per l’architettura, integrazione tra scenografia reale e virtuale attraverso lo studio di case histories cinematografiche, progettazione scenografica per il virtual set, la previsualizzazione nel progetto, la supervisione dei VFX sul set)
Docente: Francesca Rotondo (30 ore)

Sound Design (L’organizzazione del suono. Spazio, immagini, suoni: la musica acusmatica. L’audiovisione. Intradiegesi ed extradiegesi. Sonorizzazione del filmato “Courthouse with curved walls” basato sulla elaborazione in computer grafica di un progetto di Mies van der Rohe rielaborato da Tahehiko Nagakura. Software: Adobe Audition; Fruity Loops Studio 5)
Docente: Gianluca Licciardi (8 ore)

2. Il video
Dalla grafica alla grafica animata
1. Photoshop. Docenti: Nicola Sganga e Massimo Cipollina (16 ore)
2. Introduzione al CAD. Docente: Massimo Campari (10 ore)
3. 3D Studio MAX, Match Mover. Docenti: Nicola Sganga e Massimo Cipollina (62 ore)
4. Combustion. Docenti: Nicola Sganga e Massimo Cipollina (12 ore)
Il racconto del progetto Docente: Simone Muscolino (20 ore)
Il video di architettura Docente: Marco Brizzi (18 ore)

3. La comunicazione
L’Architettura e la questione della tecnica (Che cos’è la tecnica? Indagine sul rapporto tra uomo natura e tecnica. Dalla tecnica in generale all’orizzonte dei nuovi media. Su arte e tecnica: un secolo di esperimenti e di riflessioni. Il cinema: dall’immagine fotografica a quella digitale, la direttrice ‘fantastica’ e quella ‘testimoniale’, mondi possibili e mondi reali. Architettura e media: lo stato della ricerca e gli orizzonti possibili. Webness e nuove specie di spazi. Riflessioni su etica ed estetica)
Docente: Maria Luisa Palumbo (20 ore)

Lo Spazio tra visione e percezione (Lo spazio nel cinema dal muto alla tecnologia digitale. Film e spazio come forma di racconto: Murnau, Ejzenstejn, Welles, Antonioni, Resnais Godard, Kubrick, Tarkovskij, Wong Kar-Wai, P. T. Anderson. I codici della visione breve cinematografica: trailer e teaser, cortometraggio. I codici della visione breve “a target”: commercial spot, video-clip,ecc.)
Docente: Serafino Murri (10 ore)

Estetica digitale e nuovi linguaggi Docente: Federico Ballanti (10 ore)


Laboratorio: dal brief al progetto finale
Il master si concluderà con un laboratorio applicativo di 30 ore svolto a conclusione della didattica. I lavori prevedono lo sviluppo di un progetto “narrativo”, inerente il cinema, l’architettura e il video, nel quale si metteranno in pratica tutte le competenze storiche, teoriche e tecniche acquisite nel corso degli studi. Al fine di esplicitare gli interessi e le specificità dei singoli corsisti, saranno individuati gruppi di studenti, in base a competenze e potenzialità, che approfondiranno e svilupperanno – con finalità esecutive – un’area tematica distinta contribuendo alla realizzazione del progetto finale. Tale modalità didattica vuole essere un ulteriore impulso verso la specializzazione e professionalizzazione delle figure coinvolte.
Docente: Salvo Cuccia (30 ore)


Seminari di approfondimento
1. Architettura e Cinema
2. Incontri con registi, scenografi, sceneggiatori
3. Il rapporto con gli sponsor e le strutture di riferimento
4. Analisi di un budget e cenni di amministrazione


Diploma
I risultati del laboratorio verranno presentati e discussi in un evento pubblico di chiusura del corso cui saranno invitati a partecipare, oltre i docenti del master, personalità del mondo del cinema, del teatro e dell’architettura. Nell’ambito dell’evento, sulla base delle valutazioni conseguite durante il corso di studi, saranno consegnati ai corsisti i diplomi di superamento del Master.


Direzione scientifica: Marialuisa Palumbo, Marta Zani
Direzione tecnica: Massimo Campari
Direzione didattica: Daniele Pirozzini
Coordinamento generale: Giulia Di Matteo, Beatrice Fumarola
Organizzazione: Istituto Nazionale di Architettura – IN/ARCH

Clicca qui per procedere con l’iscrizione al Master

Copyright © - Riproduzione riservata
Master di architettura digitale “Il racconto dello spazio. Architetto.info