Progettisti gratis a Catanzaro, il Tar accoglie il ricorso degli architetti | Architetto.info

Progettisti gratis a Catanzaro, il Tar accoglie il ricorso degli architetti

Accolto dal Tar della Calabria il ricorso presentato dagli ordini degli architetti locali contro il bando del Comune di Catanzaro che prevedeva incarichi ai progettisti senza compenso, ma solo con rimborsi spese

image_pdf

Il Tar della Calabria ha accolto il ricorso presentato dall’Ordine degli Architetti della Provincia di Catanzaro e da altri ordini territoriali, affiancato ad adiuvandum dallo stesso Consiglio Nazionale, contro il Comune di Catanzaro, che aveva indetto un Bando per il conferimento di incarichi professionali a titolo gratuito, salvo rimborso spese, per la redazione del Piano Strutturale Comunale.

Afferma Giuseppe Cappochin, presidente del Consiglio Nazionale degli Architetti, Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori:

“Finalmente è la giustizia a fermare una iniziativa scandalosa, negativa e anche preoccupante, poiché avrebbe potuto creare precedenti, ed assolutamente agli antipodi dei principi della trasparenza e della concorrenza, ma soprattutto di quello della centralità del progetto. E’ la giustizia ad affermare in modo chiaro che gli architetti non sono professionisti figli di un Dio minore che devono offrire le loro prestazioni senza ricevere alcun compenso, né gli abitanti di Catanzaro cittadini di serie B che non meritano di vivere in luoghi belli”.

L’iniziativa del Comune di Catanzaro aveva raccolto moltissime polemiche tra i professionisti tecnici, di carattere trasversale. E come già annunciato nei giorni scorsi, il ricorso era stato presentato anche all’Anac. Da segnalare, peraltro, che queste iniziative ‘atipiche’ delle amministrazioni comunali non sono isolate. È sempre di qualche settimana fa la polemica sollevata dall’Oice contro un bando del Comune  di Gubbio che proponeva ai progettisti un’attività BIM senza compenso, in cambio di visibilità.

E’ questo il commento di Giuseppe Cappochin, Presidente del Consiglio Nazionale degli Architetti, Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori sulla sentenza del Tar della Calabria che ha accolto il ricorso presentato dall’Ordine degli Architetti della Provincia di Catanzaro e da altri ordini territoriali, affiancato ad adiuvandum dallo stesso Consiglio Nazionale, contro il Comune di Catanzaro che, come è noto, aveva indetto un Bando per il conferimento di incarichi professionali a titolo gratuito, salvo rimborso spese, per la redazione del Piano Strutturale Comunale.

Tornando a Catanzaro, Cappochin precisa che il bando “non solo violava il sacrosanto diritto a vedere adeguatamente remunerata ogni prestazione professionale, così come sancito da Costituzione e Codice Civile, ma, più in generale ha posto la questione del mancato riconoscimento della qualità progettuale -e dell’architettura in generale – fondamentale per la comunità dei cittadini soprattutto in un settore così delicato come quello della pianificazione urbanistica. Qualità che certamente ha un costo che è certamente inferiore rispetto al plusvalore che genera in termini di benessere e di qualità dell’habitat ai quali potrà contribuire l’utilizzo di concorsi di progettazione basati su una preliminare attenta lettura del paesaggio urbano e paesaggistico preesistente”.

 

Copyright © - Riproduzione riservata
Progettisti gratis a Catanzaro, il Tar accoglie il ricorso degli architetti Architetto.info