Sismabonus, gli architetti: “Estensione di competenze a discapito dei cittadini” | Architetto.info

Sismabonus, gli architetti: “Estensione di competenze a discapito dei cittadini”

Anche il Cnappc prende posizione sul tema della correzione del decreto Mit che ha tolto i requisiti per l'accesso

image_pdf

Sismabonus, gli architetti: “Estensione di competenze a discapito dei cittadini”
Anche il Cnappc prende posizione sul tema della correzione del decreto Mit che ha tolto i requisiti per l’accesso

Dopo il Consiglio nazionale ingegneri, anche il Consiglio nazionale degli Architetti, Pianificatori Paesaggisti e Conservatori prende posizione sulla correzione del decreto Mit che ha eliminato i requisiti delle lauree in ingegneria e architettura per operare ai fini del Sismabonus.

Per Giuseppe Cappochin, presidente Cnappc:

“Una volta di più saranno i cittadini delle regioni colpite dal sisma a pagare le conseguenze delle modifiche apportate al “Sisma Bonus” relativo alla classificazione del rischio sismico delle costruzioni nonché alle modalità per l’attestazione, da parte di professionisti abilitati, dell’efficacia degli interventi effettuati. La scomparsa del riferimento ai titoli di studio in ingegneria o architettura necessari per esercitare queste prestazioni e di una chiara definizione delle professionalità deputate a volgerle, lasciano spazio ad una generica estensione di competenze molto poco chiara e che causerà sicuramente controversie e contenziosi che saranno di intralcio alle attività di ricostruzione”.

“Stupisce come non si tenga in alcun conto del “principio regolatore” che deve sempre sovrintendere all’esercizio delle competenze dei vari Ordini professionali e che, in ambito sismico, come si legge nel Parere del Consiglio di Stato 2539/2015 del 4.9.2015, viene ribadito essere ispirato al pubblico e preminente interesse rivolto alla tutela della pubblica incolumità.
Migliorare la sicurezza statica o adeguare alla normativa vigente gli edifici esistenti in zona sismica richiede necessariamente valutazioni complesse sulle strutture e sulla loro risposta alle azioni sismiche, valutazioni che – solo chi possiede adeguate competenze e professionalità, come architetti ed ingegneri – può effettuare”.

“E’ quindi improcrastinabile varare una nuova e specifica normativa, precisando quali attività relative al “Sisma Bonus” rientrino nelle competenze delle rispettive categorie professionali per non lasciare adito a fraintendimenti e dare spazio a dubbi interpretativi.
“Sia chiaro: questa posizione non è espressione di una chiusura corporativa, ma è una diretta assunzione di responsabilità nei confronti dei cittadini colpiti dal terremoto – che guardano alla ricostruzione come ad un fondamentale momento di ripartenza – e un preciso dovere di tutela dell’interesse pubblico”.

Leggi anche: Sismabonus e classificazione del rischio sismico: i contenuti delle Linee guida

Copyright © - Riproduzione riservata
Sismabonus, gli architetti: “Estensione di competenze a discapito dei cittadini” Architetto.info